Le eccellenze del Made in Italy in Cina con helloITA di Agenzia Ice e Alibaba

Un intero padiglione virtuale all’interno del centro commerciale digitale più ambito della Cina. Con tanto di attività promozionali on e offline in concomitanza con le più importanti festività locali da ora a fine 2019. Ice e Alibaba hanno aperto su Tmall, il marketplace della compagnia tecnologica cinese, helloIta, l’hub virtuale delle eccellenze dedicato al Made in Italy. Alla presentazione a Milano erano presenti Michele Scannavini e Piergiorgio Borgogelli, rispettivamente presidente e direttore generale dell’agenzia Ice, Rodrigo Cipriani Foresio, managing director Sud Europa di Alibaba e general manager Europa di Tmall Business Development, e Andrea Illy, presidente ed ad di IllyCaffè oltre che presidente di Altagamma.

Da sinistra: Piergiorgio Borgogelli e Michele Scannavini, rispettivamente presidente e dg Agenzia Ice, Rodrigo Cipriani Foresio, managing director Sud Europa di Alibaba, e Andrea Illy, presidente ed ad di IllyCaffè

L’ecommerce vale circa il 10% del retail mondiale ma il suo tasso di crescita ha un ordine di grandezza compreso tra il 15 e il 20% contro il 4/5% del retail. Eppure, ha osservato Scannavini, “meno del 10% delle imprese italiane fatturano in e-commerce”, un valore inferiore a quelli di Spagna, Francia e Germania oltre che alla media europea. Anche per quanto riguarda gli acquisti “siamo in una posizione significativamente inferiore rispetto ai paesi Ue di riferimento”. Motivo per cui “l’Italia deve recuperare un ritardo e questa non è un’opzione”, ha spiegato il presidente Ice, “è un percorso obbligato”.

La Cina è l’El Dorado dell’ecommerce: pesa per il 35% del mercato a livello globale (insieme agli Usa fanno più del 50%). E su Alibaba ci sono 570 milioni di consumatori attivi. Gran parte dei quali giovani, se è vero che chi fa acquisti digitali sono per oltre il 70% under 35. Che ci sia un “sito istituzionale che fa educazione digitale”, ha sottolineato Cipriani Foresio, “é una grandissima cosa per le imprese italiane che vogliono vendere in Cina”. Oltre che un’opportunità concreta per le 80 aziende (di cui il 50% Pmi) che già hanno aderito, “a costo zero”, che provengono dai settori moda e lifestyle, cosmesi, tempo libero, agroalimentare e vino.

HelloIta fa parte del piano straordinario per il Made in Italy dell’agenzia governativa per la promozione delle imprese italiane all’estero. L’investimento complessivo è di 2,5 milioni di euro in attività di comunicazione e promozione on e offline. Per supportare la visibilità e generare traffico aumentando il tasso di conversione dei clic in acquisti. Concretamente si tratta di una “landing page”, ha spiegato il dg di Agenzia Ice, alla quale l’attività di promozione, che coinvolgerà persino influencer cinesi, veicolerà il traffico. Il primo appuntamento importante la giornata dei single a novembre, ma ci saranno anche, tra le altre, il capodanno cinese, il Natale e la giornata della mamma.

Illy ha descritto l’ecommerce non solo come un’opportunità per far crescere il suo fatturato (i 2/3 di quello della sua azienda provengono da fuori i confini nazionali), ma come di un “acceleratore dell’intero business”. L’ecommerce infatti consente di fare “lanci di prodotto più mirati” e “non è solo un canale di vendita, nel nostro caso è anche hospitality”.

Su una piazza dove qualcosa come 10 milioni di aziende vendono a 570 milioni di persone si possono trovare miliardi di prodotti e non sarà banale farsi trovare. Ma helloIta vuole anche aiutare le imprese, grazie alla tecnologia di Alimama, al divisione di marketing strategico di Alibaba, a profilare in modo efficace i consumatori digitali per mettere loro a disposizione dati utili.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La nuova edizione del Telegrafo verso la chiusura? Fnsi: no ad azioni unilaterali

La nuova edizione del Telegrafo verso la chiusura? Fnsi: no ad azioni unilaterali

Garante della Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante della Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 giugno

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 giugno