Il 26% degli utenti Usa in fuga dall’app mobile di Facebook. Dai più giovani timori per la privacy

Americani in fuga dall’app mobile di Facebook. A sostenerlo uno studio pubblicato dal Pew Research Center, secondo cui un quarto degli iscritti Usa – dai 18 anni in su – nell’ultimo anno ha rimosso dallo smartphone l’app del social.

A dimostrazione di come il tema privacy sia diventato sempre più centrale dopo lo scandalo Cambridge Analytica, secondo la ricerca il 74% degli utenti ha preso qualche iniziativa per cautelarsi.

(elaborazione riprese dal Pew Research Center)

Metà degli intervistati, il 54%, ha affermato di aver cambiato le impostazioni della privacy nell’anno precedente, quattro su dieci si sono presi una pausa dal social per almeno qualche settimana e il 26% ha dichiarato di aver disinstallato la app dal telefonino. Solo il 9% invece ha scaricato i propri dati dal social network, ma metà di chi l’ha fatto ha poi cancellato la app.

(elaborazione riprese dal Pew Research Center)

Confrontando i numeri, raccolti tra maggio e giugno, emergono delle differenze di età nei tassi di utenti che hanno preso queste iniziative. E’ interessante notare che il 44% di quelli tra 18 e 29 anni hanno cancellato la app, quasi quattro volte quelli di 65 e oltre (12%). Solo un terzo degli over 65 ha cambiato le impostazioni, contro il 64% dei più giovani che ha scelto questa soluzione.

Chiamato in causa Facebook ha dato la sua interpretazione. “Può essere un atteggiamento momentaneo, un modo per prendere una pausa dal social o passare ad altre versioni dell’app”, ha commentato David Ginsberg, vice presidente del team ricerche del social, in Italia per illustrare gli strumenti della piattaforma sul ‘benessere digitale’.
“Monitoriamo la situazione, abbiamo del lavoro da fare per rendere il servizio di valore, soprattutto per i giovani”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La classifica internazionale dei brand auto più attivi sui social e dei post più condivisi a febbraio. Tre tedesche sul podio

La classifica internazionale dei brand auto più attivi sui social e dei post più condivisi a febbraio. Tre tedesche sul podio

La pubblicità a gennaio cala dello 0,5%. Senza search, social, ott e classified -4,1%. Dati Nielsen

La pubblicità a gennaio cala dello 0,5%. Senza search, social, ott e classified -4,1%. Dati Nielsen

Classifica Comscore dell’informazione online. A gennaio sul podio Citynews, Fanpage e Tgcom24 (campione del tempo speso)  – TABELLA

Classifica Comscore dell’informazione online. A gennaio sul podio Citynews, Fanpage e Tgcom24 (campione del tempo speso) – TABELLA