Mattel punta sul cinema per rilanciarsi e crea una divisione film

Mattel guarda a Hollywood per rilanciarsi. La società che produce le Barbie ha lanciato una divisione per la realizzazione di film ispirati ai suoi brand più popolari, nel tentativo di imitare il successo delle rivali – come Lego e Hasbro – che si sono riposizionate anche come gruppi per l’intrattenimento.

Per guidare Mattel Film, il gruppo ha scelto Robbie Brenner, produttrice nominata all’Oscar. Brenner nel suo ruolo risponderà direttamente al ceo e chairman Ynon Kreiz, che, entrato nel gruppo lo scorso aprile, ha a sua volta esperienze nel settore media ed entertainement e – come rileva Bloomberg – sta portando avanti una riorganizzazione della società in quest’ottica.

(Foto Ansa – EPA/JASON SZENES)

“Generazioni di bambini nel mondo sono cresciuti con con un profondo legame con i marchi e i personaggi di Mattel. Ci sono molte storie da raccontare e immaginazioni da catturare”, ha spiegato Brenner.

La decisione di Mattel è l’ultimo segnale di come anche i produttori di giocattoli stiano adattandosi all’era digitale dopo che le vendite online ne hanno mandato in crisi il modello di business.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Draghi sulla Superlega: preservare le competizioni nazionali; tutelare i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport

Draghi sulla Superlega: preservare le competizioni nazionali; tutelare i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport

Boom libri nel primo trimestre 2021, vendite su del 26,6%. Il canale dell’online raggiunge il +45%. Levi: Fondamentale il sostegno del pubblico

Boom libri nel primo trimestre 2021, vendite su del 26,6%. Il canale dell’online raggiunge il +45%. Levi: Fondamentale il sostegno del pubblico

Sette top manager su 10 sono social, il 23% è inattivo. De Meo, Alverà e Alessandri top LinkedIn, presidenti Serie A su Twitter. Instagram per la moda

Sette top manager su 10 sono social, il 23% è inattivo. De Meo, Alverà e Alessandri top LinkedIn, presidenti Serie A su Twitter. Instagram per la moda