Tim, Conti: al via il processo di vendita su Sparkle. Il 5G parte della nostra strategia

Su Sparkle il processo di vendita “sta iniziando”. Lo ha detto il presidente di Tim Fulvio Conti arrivando a Villa d’Este al Forum Ambrosetti di Cernobbio, parlando della società a cui fa capo la rete internazionale ritenuta strategica per la sicurezza del Paese. Secondo indiscrezioni riportate dal Corriere della Sera l’ad di Tim, Amos Genish, avrebbe mandato l’invito alle banche per aprire il processo di cessione.

Fulvio Conti (foto Ansa)

Fulvio Conti (foto Ansa)

Conti ha parlato dei prossimi impegni della telco, a cominciare dalla sfida per le frequenze 5G, tema su cui si riunisce il cda il prossimo lunedì, per dare il via libera all’offerta che va consegnata in busta chiusa entro le 12 del 10 settembre. “E’ chiaro che dobbiamo partecipare alla gara, è parte integrante della nostra strategia” ,ha commentato Conti.
Nessun dettaglio se non la conferma che la competizione è intensa. “Ci sono molti concorrenti”. Oltre a Tim sono stati ammessi alla procedura Iliad Italia, che come nuovo entrante ha un lotto garantito, Fastweb, Vodafone Italia, Wind 3, Linkem e Open Fiber. Tim “è leader di mercato anche per il suo sviluppo tecnologico: investiamo ogni anno più di 1,9 miliardi in ricerca e sviluppo” ha ricordato Conti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Stati generali dell’editoria: al via la consultazione online, contributi entro il 13 maggio

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Google, gli utenti europei Android potranno scegliere motore di ricerca e browser su smartphone e tablet

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente

Stampa e regime ricorda Massimo Bordin. E sul sito di Radio Radicale l’intervento sul perché il finanziamento pubblico all’emittente