Altroconsumo diventa Inchieste. Nuovo nome anche per le altre testate del gruppo. Sessa: nel prefisso ‘In’ molti significati

Dal numero di settembre Altroconsumo, mensile di riferimento per la difesa e l’informazione dei consumatori, cambia nome in Inchieste.  Al cambiamento si allineano anche le altre testate edite da Organizzazione Altroconsumo: il bimestrale Test Salute diventa InSalute, il bimestrale Hi_Test prende il nome di Innova e il bimestrale Soldi&Diritti si trasforma in InTasca.

 

Prende forma un nuovo sistema editoriale che parte da ‘IN’, due lettere che portano con sé i valori di Altroconsumo, nata nel 1973 e da sempre al fianco dei cittadini: quello dell’indipendenza, dell’informazione autentica, dell’inclusione.

VIDEO:  COM’E’ CAMBIATA NEGLI ANNI LA TESTATA ALTROCONSUMO

Sul nuovo numero di Inchieste  – ormai ex Altroconsumo – si rinnovano gli appuntamenti con i fatti nudi e crudi: la pratica illegale di ridurre il numero dei chilometri nelle auto usate, frodando gli acquirenti e gonfiando il mercato di un giro d’affari di 20 miliardi di euro all’anno; l’indagine su 50 negozi sul territorio di offerte telefoniche sfibranti dalla scarsa trasparenza; il test sull’olio extravergine d’oliva, che esce in un modo dalla filiera produttiva e arriva in un altro a casa del consumatore; le prove di resistenza alla caduta degli smartphone e di cosa succede veramente – qui il video in anteprima. Su InTasca un’indagine di affidabilità dei siti ecommerce e un report con le testimonianze sul benessere in azienda. Su Innova come dare nuova vita al vecchio tablet e il test sugli assistenti virtuali.

Alessandro Sessa

Alessandro Sessa, direttore delle riviste, spiega così la trasformazione: “Siamo attraversando un periodo di grandi cambiamenti, nelle abitudini, nella società stessa. Il digitale ha accelerato tutto, ha modificato il modo di comunicare, di informarsi, di interagire. I consumatori, continuamente sollecitati in un vortice di proposte e di informazioni spesso non affidabili, cercano risposte che non possono essere le stesse di qualche anno fa. Altroconsumo è al fianco di tutti e di ciascuno, con i servizi online sempre più personalizzati, l’assistenza individuale, gli avvocati, i vantaggi riservati a ciascun iscritto. Il prefisso “In” è la firma che da questo mese unisce le nostre testate e che racchiude molti significati. “In” come indipendenti, valore che da sempre ci caratterizza e distingue. “In” come informazione, perché alle fake news opponiamo il valore della verità e dell’indagine approfondita, “In” come insieme, perché tutti saranno coinvolti. Staremo sempre in ascolto. Con riviste che parleranno a tutti e a ciascuno, perché ognuno possa riconoscersi e trovare una guida nelle scelte di ogni giorno”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Auditel arriva la rilevazione dei device mobili. In Italia più di 112 milioni di schermi possono accedere a contenuti video o tv

Auditel arriva la rilevazione dei device mobili. In Italia più di 112 milioni di schermi possono accedere a contenuti video o tv

Inpgi, Crimi: M5S non vuole commissariamento; ipotesi passaggio ammortizzatori sociali all’Inps

Inpgi, Crimi: M5S non vuole commissariamento; ipotesi passaggio ammortizzatori sociali all’Inps

Condè Nast vende W a Future Media Group. Sara Moonves sostituisce alla direzione Stefano Tonchi

Condè Nast vende W a Future Media Group. Sara Moonves sostituisce alla direzione Stefano Tonchi