Rai: dal Mise più tempo per adempimento obblighi del contratto di servizio

Si è insediata nella sede del ministero dello Sviluppo Economico la commissione paritetica prevista all’articolo 22 del Contratto di servizio Rai. Lo segnala una nota del ministero, nella quale si specifica che l’obiettivo della commissione, composta da otto membri (quattro designati dal Mise stesso e quattrodalla Rai), è “di definire le più efficaci modalità operative di applicazione e di sviluppo delle attività e degli obblighi previsti nel Contratto, in coerenza con l’evoluzione dello scenario di riferimento e gli opportuni interventi per risolvere difficoltà di applicazione e di interpretazione eventualmente emergenti”.

La sede Rai di Viale Mazzini (Foto Ansa -ALESSANDRO DI MEO)

“La Commissione, si legge ancora nella nota, “ha preso atto della puntuale applicazione degli obblighi sino a oggi previsti e – alla luce dei rinnovati assetti dell’azienda – ha concordato sulla opportunità di rimodulare la tempistica per la presentazione da parte di Rai del piano industriale e dei collegati piano editoriale, piano news, piano di gestione delle risorse umane e del progetto di un nuovo canale in lingua inglese, con l’obiettivo di lasciare alle parti competenti il tempo necessario per definire e valutare in maniera adeguata piani di rilevante complessità strategica destinati a delineare il futuro del servizio pubblico”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Microsoft si rafforza nel gaming e acquisisce ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Microsoft si rafforza nel gaming e acquisisce ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Lagarde: la crisi pandemica ha rafforzato l’Europa; euro digitale non ha nulla a che fare con “cripotovalute”

Lagarde: la crisi pandemica ha rafforzato l’Europa; euro digitale non ha nulla a che fare con “cripotovalute”

Nel 2020 si contrae la spesa per gli smartphone: -7,9% a livello globale. Dati Idc: 3 device su 4 costano meno di 400 dollari

Nel 2020 si contrae la spesa per gli smartphone: -7,9% a livello globale. Dati Idc: 3 device su 4 costano meno di 400 dollari