Tim Armstrong, ceo di Oath, verso l’addio a Verizon

Tim Armstrong, responsabile delle attività media e pubblicitarie di Verizon, sarebbe in procinto di lasciare il colosso tlc.  Una voce diffusa inizialmente dal Wall Street Journal, e rilanciata da altre testate come Reuters e Cncb,  secondo cui l’addio del manager dovrebbe avvenire già il mese prossimo.

Tim Armstrong, responsabile delle attività media e pubblicitarie di Verizon / Credits Ansa Foto

Stando ai media americani, fatale per Armstrong sarebbe stato non aver raggiunto i risultati sperati. Se l’indiscrezione fosse confermata, per la società si tratterebbe di un’uscita pesante, dato che lascerebbe incompleto il lavoro avviato di creare un gigante della pubblicità in grado di sfidare Google e Facebook.

Entrato a Verizon nel 2015, quando la società ha acquistato Aol, Armstrong nel 2017 ha seguito anche il processo di integrazione di Yahoo. A lui era stata affidata proprio la guida di Oath, la divisione in cui erano state raggruppate proprio le attività di Aol e Yahoo, e che ospita portali come HuffPost, TechCrunch, Yahoo Finance e Tumblr.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

Il premier Conte fa bene alla tv. Due terzi della platea per il Dpcm Natale: 18,641 milioni alle 21.29; 8,7 milioni sul Tg1. Tg2 assente

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

La parola Covid spopola sui media (e prende il posto di Coronavirus). Nella TOP TEN seguono terapie intensive e contagio; boom vaccino

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole

Editoria, Riffeser: giornali cerniera tra istituzioni e cittadini. Servono aiuti come in altri paesi e progetti per modernizzare le edicole