Rai, Anzaldi: rimandata a quando la presentazione di piano editoriale, su news e risorse umane?

“Quali sono i primi adempimenti a cui si è dedicata nella sua prima riunione la Commissione paritetica per il Contratto di servizio? E a quando è stato esattamente rimandata la presentazione del Piano editoriale della Rai, del Piano News e del Piano risorse umane?”. A chiederselo Michele Anzaldi, deputato del Pd e segretario della Commissione Vigilanza Rai, commentando l’insediamento della commissione al Mise.

Michele Anzaldi(foto ANSA/GIUSEPPE LAMI)

“E’ singolare che la Commissione non abbia spiegato, come sarebbe tenuta a fare per questioni di trasparenza, a indicare quali sono gli ‘obblighi’ applicati dalla Rai a cui allude”, rileva Anzaldi. “Ancora più singolare è che la definizione del Piano editoriale di un’azienda finanziata con i soldi dei cittadini italiani per 2 miliardi di euro sia stato rimandato non si sa bene per quando. Si tratta di 6 mesi, un anno o per avere un piano dell’informazione la Rai dovrà aspettare una data indefinita?”.

“E’ necessario che la Commissione faccia dunque chiarezza su entrambi gli aspetti. Una tale indeterminatezza, conclude il segretario Anzaldi, sul futuro della più grande azienda culturale del Paese non è né seria né ammissibile”.

Intanto, dopo la pausa estiva, è in programma il prossimo giovedì la prima riunione della Commissione di Vigilanza Rai, durante la quale non mancheranno temi e questioni da affrontare.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy