Paola Rini è il nuovo chief advertising officier di Freeda

Paola Rini è il nuovo chief advertising officier di Freeda, il media brand dedicato alle donne “millennial” (18-34 anni) che è online da febbraio 2017.

Rini, che ha un’esperienza di quasi vent’anni nel mondo dei media e della pubblicità, è arrivata a Freeda il 3 settembre dopo un’esperienza di senior Sales manager a Discovery Italia. In precedenza aveva lavorato a Publitalia ’80 come direttrice delle vendite con responsabilità grandi clienti Lombardia.

Paola Rini (foto Linkedin)

Paola Rini (foto Linkedin)

Freeda, controllata dalla società AG Digital Media, è stata fondata a fine 2016 da Andrea Scotti Calderini (ex Publitalia) e Gianluigi Casole, e diffonde i propri contenuti quasi esclusivamente attraverso i social network. Attualmente conta su 1,5 milioni di follower su Facebook e 735 mila su Instagram. La versione spagnola operativa da qualche mese, ne ha invece 541 mila su Facebook e 259 mila su Instagram.

Tra gli azionisti di AG Digital Media figurano, oltre ai due fondatori, finanziatori come Ginevra Elkann e la holding Fw di Lorenzo Mieli, a cui si sono aggiunti nei mesi scorsi – dopo un round di finanziamento da 10 milioni di dollari (8,6 milioni di euro) – il fondo d’investimenti francese Alven Capital e il gruppo di investimento U-Start, che raccoglie diversi family office italiani.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”