Paola Rini è il nuovo chief advertising officier di Freeda

Paola Rini è il nuovo chief advertising officier di Freeda, il media brand dedicato alle donne “millennial” (18-34 anni) che è online da febbraio 2017.

Rini, che ha un’esperienza di quasi vent’anni nel mondo dei media e della pubblicità, è arrivata a Freeda il 3 settembre dopo un’esperienza di senior Sales manager a Discovery Italia. In precedenza aveva lavorato a Publitalia ’80 come direttrice delle vendite con responsabilità grandi clienti Lombardia.

Paola Rini (foto Linkedin)

Paola Rini (foto Linkedin)

Freeda, controllata dalla società AG Digital Media, è stata fondata a fine 2016 da Andrea Scotti Calderini (ex Publitalia) e Gianluigi Casole, e diffonde i propri contenuti quasi esclusivamente attraverso i social network. Attualmente conta su 1,5 milioni di follower su Facebook e 735 mila su Instagram. La versione spagnola operativa da qualche mese, ne ha invece 541 mila su Facebook e 259 mila su Instagram.

Tra gli azionisti di AG Digital Media figurano, oltre ai due fondatori, finanziatori come Ginevra Elkann e la holding Fw di Lorenzo Mieli, a cui si sono aggiunti nei mesi scorsi – dopo un round di finanziamento da 10 milioni di dollari (8,6 milioni di euro) – il fondo d’investimenti francese Alven Capital e il gruppo di investimento U-Start, che raccoglie diversi family office italiani.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Andrea Duilio assume la guida di Sky Italia come amministratore delegato

Andrea Duilio assume la guida di Sky Italia come amministratore delegato

#TOKYO2020: FEDERICA PELLEGRINI IN SEMIFINALE COL BRIVIDO! RIVIVI LA SUA BATTERIA DEI 200SL – IL VIDEO DI EUROSPORT

#TOKYO2020: FEDERICA PELLEGRINI IN SEMIFINALE COL BRIVIDO! RIVIVI LA SUA BATTERIA DEI 200SL – IL VIDEO DI EUROSPORT

Agcom, Lasorella in Parlamento: Nostra sfida è governare la transizione digitale,  preoccupa l’indebolimento dell’industria dei media

Agcom, Lasorella in Parlamento: Nostra sfida è governare la transizione digitale,  preoccupa l’indebolimento dell’industria dei media