Palombelli vince di misura il primo confronto con Gruber

Usando con saggezza tutte le armi a disposizione, Barbara Palombelli ha conseguito un’altra importante – e anche simbolica – vittoria negli ascolti. Arrivata su Rete 4 per rilanciare il talk dell’access prime time, la giornalista romana sta facendo migliorare le prestazioni della rete nella fascia. In questa porzione editorialmente strategica del palinsesto aveva già vinto il primo confronto con ‘In Onda’, schierando alla puntata d’esordio contro Luca Telese e David Parenzo l’ex segretario del Pd, Matteo Renzi. Poi Palombelli aveva perso molte delle altre partite successive con il duo rivale, ma senza demeritare troppo in termini di riscontri Auditel.

Ieri per battere la più ostica e diretta rivale – Lilli Gruber al rientro su La7 con Otto e Mezzo – Palombelli ha spezzato il suo programma in due: nella prima parte Pierluigi Bersani, Ferruccio De Bortoli e Alessandro Sallusti; nella seconda, con Sallusti, Roberto D’Agostino e Vittorio Sgarbi.

Dall’altra parte della barricata – in un contesto caratterizzato dalle 20.45 in avanti da Portogallo-Italia su Rai1 che portava via proprio il classico pubblico maschile de la7 – la Gruber ha proposto una lunga intervista monografica con Alessandro Di Battista, in collegamento dal Guatemala. Bilancio, la trasmissione di Rete 4 ha fatto un po’ meglio di quella de La7: ‘Stasera Italia’ ha avuto 1,236 milioni di spettatori e il 5,26% di share; ‘Otto e mezzo’ si è fermato 1,166 milioni e 4,91%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Mondadori, siglato accordo per la cessione di Mondadori France a Reworld Media

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Turchia: all’ufficio per la Comunicazione di Erdogan il controllo dell’agenzia di stampa Anadolu

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy

Zuckerberg nel mirino delle autorità Usa: rischio sanzioni per ripetute violazioni della privacy