Preordini alle stelle per ‘Fear’, il libro di Bob Woodward contro Trump

Bob Woodward è un “bugiardo” e il suo libro una “truffa”. Così nei giorni scorsi via Twitter il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha apostrofato l’uscita nelle librerie e in e-book del libro ‘Fear: Trump at the White House’. Scritto dal giornalista divenuto celebre per l’inchiesta Watergate, il libro è disponibile dall’11 settembre e racconta il presidente più controverso degli ultimi tempi.

Donald Trump (Foto Ansa – EPA/MICHAEL REYNOLDS)

L’editore di Woodward, Simon & Schuster, ha fatto sapere che è già stato stampato un milione di copie per quello che è destinato ad essere uno dei più grandi successi editoriali del 2018. “Abbiamo ristampato sei volte, per un totale di sette stampe, per accogliere la straordinaria domanda”, ha detto un portavoce della casa editrice alla Cnn.

“Mai visto niente di simile”. Così Woodward (che di presidenti ne ha raccontati 8) scrive di Trump, definendo lui un “folle” e la sua amministrazione “una gabbia di matti” e restituendo un ritratto che tutto è tranne che lusinghiero. Il contenuto del libro, ampiamente anticipato prima dell’uscita del volume, rivela trame interne e retroscena di alcuni fatti che riguardano il tycoon e il suo staff.

Il libro ha mandato su tutte le furie il presidente americano, già alle prese in questi giorni con l’altro grande caso editoriale che è scoppiato appena la settimana scorsa: l’editoriale anonimo pubblicato dal New York Times che sostiene l’esistenza di una resistenza segreta all’interno della Casa Bianca. Trump anche in questo caso non ha perso l’occasione di twittare pieno dissenso e accuse nei confronti del giornalista, difendendo l’operato suo e del suo intero staff.

Qui le reazione della stampa statunitense all’editoriale del New York Times.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tlc, Di Stefano: Realizzare una società unica della rete è necessario per lo sviluppo digitale. Peccato che Enel esca da Open Fiber

Tlc, Di Stefano: Realizzare una società unica della rete è necessario per lo sviluppo digitale. Peccato che Enel esca da Open Fiber

Social e censura. Giornalisti ed esperti ne parlano domani nell’evento streaming “Come cambiano le piattaforme digitali. Da postini a editori” di Asr

Social e censura. Giornalisti ed esperti ne parlano domani nell’evento streaming “Come cambiano le piattaforme digitali. Da postini a editori” di Asr

Lorenzo Tosa è il nuovo direttore di Next Quotidiano

Lorenzo Tosa è il nuovo direttore di Next Quotidiano