L’Nba torna a Milano con Chauncey Billups. In attesa del primo store europeo

Torna l’Nba a Milano: l’ex stella Chauncey Billups, campione ed Mvp delle finali 2004 con la maglia dei Detroit Pistons, ha fatto visita lo scorso weekend alla Nba Fan Zone in Piazza Duomo, iniziativa che mira ad accrescere la fan base della lega più famosa di basket a livello globale.

E secondo la Gazzetta dello Sport è prossima l’apertura del primo store ufficiale in Europa, il terzo del mondo. L’apertura sarà entro la fine della stagione 2018-2019, ma la speranza è che il negozio sia pronto già entro Natale. Sorgerà in zona San Babila, riferisce la Rosea, vicino agli store ufficiali di Inter e Milan e ispirandosi a quello di New York.

“Visto il continuo aumento in Italia dell’interesse nei confronti dei prodotti ufficiali Nba”, spiega l’Nba Eme vice presidente, global partnerships, Vandana Balachandar, “la nostra partnership con Epi, leader in Italia ed Europa nella gestione integrata dei negozi di merchandising sportivo, ci permetterà di offrire ai fans merchandising ufficiale e esclusivo che li aiuterà a celebrare la loro passione per l’Nba”.

Milano aveva già sperimentato il fascino dell’Nba sui cittadini di tutto l’hinterland in occasione dell’esposizione dell’iconico Larry O’Brien Trophy al Samsung District di via Mike Bongiorno. E il campione Nba italiano Danilo Gallinari, originario del capoluogo meneghino, è tornato in città per riqualificare i playground con un progetto insieme a Prodea Group e Lnc Milano. Mentre Mark Tatum, deputy commissioner dell’Nba, vice di Adam Silver, a giugno aveva anticipato alla Gazzetta l’intenzione di riportare in Italia una partita: il precedente è stato la sifida nel 2015 tra Boston Celtics e Olimpia Milano.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Milano e Cortina giocano la carta Expo per convincere il Cio sulla fattibilità delle Olimpiadi 2026

Fidaf porta in Italia i Campionati Europei di football americano U19

Abodi (Credito Sportivo): pronti 2 miliardi da investire sulle infrastrutture sportive. Sarebbe folle non ottimizzarli