Tripadvisor, nove mesi di carcere per recensioni false. “Sentenza storica per Internet”

Sentenza storica del Tribunale Penale di Lecce sulla questione delle recensioni fake online: il proprietario dell’agenzia di comunicazione PromoSalento, che – stando alle accuse – vendeva pacchetti di recensioni false ai business dell’ospitalità in Italia è stato condannato a nove mesi di prigione e al pagamento di circa 8.000 euro per spese e danni.

La home di Tripadvisor

Scrivere recensioni false utilizando un’identità non vera è quindi un crimine secondo la legge italiana. I fatti oggetto di contestazione risalgono al 2015, quando Tripadvisor aveva bloccato e rimosso un migliaio di recensioni attribuite a PromoSalento, dopo aver ricevuto la segnalazione della fake reviews tramite alcune email. La community di Tripadvisor ha appoggiato il processo, costituendosi parte civile per supportare la causa, e ha condiviso le prove raccolte dal team interno contro le frodi e fornito l’aiuto dei suoi consulenti legali in Italia.

“Crediamo che si tratti di una sentenza storica per internet. Scrivere recensioni false ha sempre rappresentato una violazione della legge ma questa è la prima volta che, come risultato, il truffatore è stato mandato in prigione”. Così ha commentato Brad Young, VP, Associate General Counsel di TripAdvisor riguardo alla sentenza del Tribunale di Lecce. “Investiamo molto nella prevenzione delle frodi e siamo efficaci nell’individuarle – ha aggiunto Young – dal 2015 abbiamo bloccato le attività di più di 60 aziende di recensioni a pagamento nel mondo. Ma non possiamo fare tutto da soli ed è per questo che desideriamo collaborare con le autorità competenti e le forze dell’ordine per supportare i loro procedimenti penali”.

Anche Pascal Lamy, Chairman, World Committee on Tourism Ethics, Unwto, si è detto soddisfatto della sentenza. “Le recensioni online rivestono un ruolo fondamentale nel turismo e nelle decisioni di acquisto dei consumatori ma è importante che tutti seguano le regole”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Google: 1 miliardo di dollari per pagare gli editori. In arrivo Showcase, nuova sezione con news scelte dalle testate partner

Google: 1 miliardo di dollari per pagare gli editori. In arrivo Showcase, nuova sezione con news scelte dalle testate partner

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE secondo Comscore. In agosto non cala l’interesse per l’informazione online. Sul podio Ciaopeople, Evolution Adv e Citynews

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE secondo Comscore. In agosto non cala l’interesse per l’informazione online. Sul podio Ciaopeople, Evolution Adv e Citynews

Turchia, entra in vigore la ‘legge bavaglio’ sui social. Le Ong: vogliono bloccare il dissenso

Turchia, entra in vigore la ‘legge bavaglio’ sui social. Le Ong: vogliono bloccare il dissenso