Sky: Comcast ritocca al rialzo la sua offerta. Agli azionisti della pay tempo fino al 6 ottobre

Comcast ha esteso al 6 ottobre il periodo di accettazione della sua proposta da 25,9 miliardi di sterline (33,8 miliardi di dollari) in contanti per Sky. La proposta, la seconda avanzata dalla compagnia guidata dal ceo Roberts per la pay tv britannica, è arrivata dopo che gli azionisti della stessa Sky avevano comunicato di non voler accettare offerte inferiori.

Nella foto Rupert Murdoch e Brian Roberts, ceo di Comcast

La prima scadenza per Comcast era prevista per il 17 settembre, mentre quella di Fox per modificare la sua offerta – che valuta la compagnia per 24,5 miliardi di sterline – è prevista per il 22 settembre.

Era stato lo stesso Consiglio di Amministrazione di Sky a consigliare a Comcast di offrire 14,5 di sterline ad azione, rispetto alle 14 sterline offerte da Fox – sostenuta da Disney – che mira a ottenere il 61% del capitale di Sky che ancora non possiede.

La saga sulla vendita di Sky va avanti dal dicembre del 2016, quando la Fox di Murdoch – azionista di maggioranza della pay – aveva fatto la sua prima offerta per il 61% delle azioni non ancora in suo possesso, poi bloccata dalle autorità Gb. Dallo scorso aprile tra le pretendenti si è aggiunta anche Comcast.

Le due contendenti sperano, acquisendo il controllo di Sky, di incrementare la loro distribuzione, nonché tecnologia e contenuti, in un mondo in cui il panorama dei media globali è stato modificato dall’ascesa dei servizi di streaming quali Netflix e Aamzon.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Colao: porteremo la banda ultralarga a tutti, lo faremo con gare e sussidi; prima gli interessi dei cittadini

Colao: porteremo la banda ultralarga a tutti, lo faremo con gare e sussidi; prima gli interessi dei cittadini

Fnsi in piazza il 20 maggio per informazione e lavoro: Il Pnrr non assegna la giusta attenzione a chi fa informazione

Fnsi in piazza il 20 maggio per informazione e lavoro: Il Pnrr non assegna la giusta attenzione a chi fa informazione

Sergio, direttore Radio Rai: il futuro è ibridazione tra mezzi, la radio è una piattaforma dove la differenza la fa il contenuto. E su Ter…

Sergio, direttore Radio Rai: il futuro è ibridazione tra mezzi, la radio è una piattaforma dove la differenza la fa il contenuto. E su Ter…