Emittenti locali: tavolo di confronto tra Cnog e associazioni di categoria

Un tavolo permanente di confronto sulle normative a sostegno e per lo sviluppo dell’emittenza locale è stato istituito nel corso di un incontro che si è svolto a Roma nella sede del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti fra i rappresentanti dell’ente pubblico associativo del mondo dell’informazione e i vertici delle associazioni imprenditoriali di categoria. Lo segnala una nota pubblicata sul sito dell’Odg.

Carlo Verna e Nicola Marini, presidente e tesoriere del Cnog, e Maurizio Giunco, vice presidente di Confindustria radio televisioni, Fabrizio Berrini per Aeranti-Corallo, Marco Montrone e Antonella Capriglia per Alpi “hanno convenuto in particolare sulla necessità di rendere immediatamente esecutivo il nuovo regolamento di cui al DPR 146/2017 relativo alle modalità e all’erogazione dei contributi a favore delle tv e radio locali – spiega una nota – con particolare riferimento alle emittenti di informazione col maggior numero di giornalisti assunti.

Verna e Marini hanno anche colto l’occasione per illustrare agli editori radiotelevisivi le idee di radicale riforma dell’accesso alla professione che proprio in queste settimane saranno definite dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

<strong> 21 gennaio </strong> Elena Sofia Ricci batte Yaman e Pucci. Del Debbio sprinta su Formigli

21 gennaio Elena Sofia Ricci batte Yaman e Pucci. Del Debbio sprinta su Formigli

Vivendi fa shopping in Spagna e acquista il 7,6% di Prisa, editore di El Pais,  principale quotidiano iberico

Vivendi fa shopping in Spagna e acquista il 7,6% di Prisa, editore di El Pais, principale quotidiano iberico

I comuni puntano sul digitale, 92% ha richiesto accesso al Fondo. Pisano: Investiremo per migliorare i servizi a imprese e cittadini

I comuni puntano sul digitale, 92% ha richiesto accesso al Fondo. Pisano: Investiremo per migliorare i servizi a imprese e cittadini