Zuckerberg: Facebook ora più pronto ad affrontare le interferenze nel voto. Ma serve migliorare ancora

Facebook è “più preparata” per combattere le interferenze sulle elezioni. Lo sostiene Mark Zuckerberg dal suo profilo in un post, il primo di una serie che il fondatore del social si promette di scrivere per passare in rassegna i problemi affrontati dalla sua compagnia quest’anno – dalla privacy alle interferenza elettorali – e per raccontare agli utenti il suo punto di vista a riguardo e i progressi fatti per risolverli.

Ammettendo che nel 2016 il social non era preparato a ricevere attacchi coordinati da profili fake, Zuckerberg ha spiegato come da allora la piattaforma abbia fatto molta strada,”sviluppando sofisticati sistemi per prevenire le interferenze sulle elezioni sui nostri servizi”.
, collaborando direttamente con i governi (come in Germania) e ridefinendo anche alcune norme per gli investitori pubblicitari per rendere tutto più trasparente.

“Abbiamo fatto progressi, ha rimarcato, ma ci troviamo di fronte ad avversari sofisticati” e con molte risorse a disposizione. “Non molleranno e continueranno a evolversi. Dobbiamo costantemente migliorare e essere un passo avanti a loro”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Franceschini (Mic):  in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Franceschini (Mic): in ItsArt ritengo utile e importante coinvolgimento Rai. Barachini: Vigilanza preparerà un atto

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Sanremo 2021, prima serata: perchè Ama e Fiore calano. L’uscita degli over 55, non compensata dal buon aumento dei giovani. Fuga dei 75+

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi

Il presidente della Germania, Steinmeier: “social pericolo per democrazia”. E Facebook paga gli editori dei quotidiani tedeschi