Prix Italia, ecco le short list del prestigioso premio. Capri 25 al 29 settembre

Capri, 1948. La guerra è finita da poco. E l’Italia che cerca di rinascere lo fa anche attraverso la Radio, con la Rai che organizza a Capri il Primo Convegno Internazionale di Arte Radiofonica, con altri 14 Stati. I giornali dell’epoca parlano di “un nuovo ponte tra i popoli”, di Radio come “vivo strumento di pace quando al suo sviluppo si adoprino uomini che sanno guardare al futuro su un piano internazionale di reciproca comprensione”. Nasce il “Premio Italia”.

Graham Ellis (BBC), Presidente Prix Italia 2018 (foto Youtube)

Graham Ellis (BBC), Presidente Prix Italia 2018 (foto Youtube)

Capri, 2018. Il premio, diventato nel tempo “Prix Italia” anche per Tv e web, torna dove tutto era cominciato e a quegli stessi valori, declinati nell’oggi. I 15 Paesi membri settant’anni fa sono diventati cinquanta, le emittenti oltre cento, da tutto il mondo. E dal 25 al 29 settembre, la Rai e il Prix propongono proprio a Capri incontri e dibattiti con i maggiori esperti internazionali per leggere, attraverso i linguaggi di Radio, Tv e Web, il nostro mondo e le sue sfide.

SHORT LIST PRIX ITALIA 2018 

Non manca, come da tradizione, il Concorso per premiare il meglio di Radio, Tv e Web da tutto il mondo, nelle diverse categorie. I programmi finalisti sono 77 di 30 emittenti dall’Australia alla Russia, dal Giappone al Finlandia: nelle short list molta Francia con 13 programmi selezionati; seguono Germania con 9, Italia con 8, Danimarca con 7 e Svezia con 6 produzioni.
Delle otto proposte italiane, sei sono firmate dalla Rai. Nella sezione Radio Documentary and Reportage partecipa “Il sottosopra” di Radio3, un viaggio sonoro nelle miniere della Sardegna, accompagnato da chi ha vissuto quei luoghi.
Per le Tv Performing Arts è tra i finalisti “A modo mio” di Rai3: cinque storie di vita e di scelte di persone che hanno saputo trovare percorsi espressivi originali.
Sempre per la Tv concorre tra i Tv Drama “Il cacciatore”, serie coprodotta da Rai Fiction e in onda su Rai2. Un serie che torna agli anni ’90 per raccontare la caccia ai mafiosi aperta da un giovane magistrato nella stagione immediatamente successiva alle stragi di Capaci e via D’Amelio.
Doppia nomination, invece, per la sezione Web factual: “Timeline”, un live streaming sull’attualità che coinvolge RaiPly e tutti i social; e “Radio Rai Techetè” che offre on demand lo sterminato archivio radiofonico del Servizio Pubblico.
Nel Web Entertainment, infine, Rai partecipa con “Techesai Social Quiz”, in cui la storia della Rai diventa un gioco.

A rappresentare l’Italia tra i finalisti del Prix nel nuovo Premio Speciale per la Crossmedialità, inoltre, due produzioni di Sky Arte Italia e di Gedi Digital. La prima è “Il mistero dei capolavori perduti” con la storia della sparizione e della “rinascita” di un capolavoro di Caravaggio; la seconda “Cronache di un sequestro” ricostruisce invece i 55 giorni del sequestro Moro unendo alla parola scritta le immagini e i linguaggi sul sito del quotidiano Repubblica.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs, Cairo: ragioniamo su lancio di un settimanale finanziario. L’arbitrato con Blackstone atto dovuto

Google: multa Ue da 1,4 miliardi per abuso di posizione dominante con AdSense. Vestager: impedita concorrenza su adv dei motori ricerca

Editoria, accordo Sole 24 Ore e il quotidiano cinese Economic Daily. In futuro possibili partnership per attività ed eventi su temi economici