Di Maio: non leggo i giornali, fanno propaganda per i loro editori

Stop alla pubblicità delle aziende di Stato sui giornali e addio contributi all’editoria. A chiederlo è ancora una volta il vicepremier Luigi Di Maio che, in un’intervista al direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perri, torna a rilanciare con forza la proposta di “una legge” che imponga alle “società partecipate di non fare pubblicità sui giornali” e l’eliminazione dei “finanziamenti pubblici ai giornali, diretti e indiretti”.

Luigi Di Maio (foto: ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Quanto alle modalità per regolare il cosiddetto “conflitto di interessi” tra potere economico ed editoria, Di Maio ribadisce: “il conflitto di interessi è nel contratto di governo, il provvedimento complessivo è allo studio”.

Il bersaglio polemico da cui l’intervista a Di Maio prende le mosse sono ancora una volta i Benetton, chiamati in causa come esempio di un “sistema dell’informazione (giornali, radio, tv)” che “è in mano a pochi grandi gruppi editoriali che hanno chiari interessi industriali e che hanno, in alcuni casi, concessioni da parte dello Stato”.

Secondo Di Maio bisognerebbe “tornare agli editori puri” ma “il minimo sindacale è che il lettore sappia chi possiede il giornale e tutti i conflitti di interesse”. Il vicepremier giunge ad ipotizzare la soluzione di indicare la proprietà dei giornali nella testata.

Di Maio confida inoltre ad Affaritaliani.it di “non leggere i giornali italiani, fanno solo propaganda” se non per “capire come ci vogliono attaccare i loro editori prenditori”. E aggiunge: “un tempo i giornali rappresentavano uno spaccato dell’opinione pubblica, avevano dentro un po’ del sentimento popolare che si respirava nelle strade e nei bar”. Ma oggi non è più così e “per tale ragione perdono copie”.

Per capire cosa pensano le persone Di Maio si affida “alle piazze e ai social”: “i commenti sulla mia pagina Facebook valgono molto più di tutti gli editoriali del giorno”.

L’informazione libera? Secondo il vicepremier “c’è chi riesce a farla. Alcuni blogger indipendenti, per esempio”. Mentre l’intreccio tra potere economico ed editoria “è opaco” e “la linea editoriale ormai è una sola per tutti i giornali e le tv”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fedele Usai entra nel mondo della produzione audiovisiva come amministratore delegato di Tenderstories

Fedele Usai entra nel mondo della produzione audiovisiva come amministratore delegato di Tenderstories

TOP 15 MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL NEL 2020. SkySport, Fanpage, Netflix e Cookist i protagonisti dell’anno

TOP 15 MEDIA ITALIANI SUI SOCIAL NEL 2020. SkySport, Fanpage, Netflix e Cookist i protagonisti dell’anno

Pound (Cio): Le Olimpiadi di Tokyo potrebbero non avere il pubblico. Giochi annullati solo nel caso di grande pericolo Covid-19

Pound (Cio): Le Olimpiadi di Tokyo potrebbero non avere il pubblico. Giochi annullati solo nel caso di grande pericolo Covid-19