Festa a Taormina per la rivoluzione grafica di Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

  1. I “gemelli diversi”, come vengono chiamati i quotidiani Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia, da oggi 15 settembre 2018 sono in edicola con una nuova veste grafica. Novità che viene festeggiata questa sera al Teatro Antico di Taormina con l’evento “GDShow-Una serata con le stelle”, organizzato da GDS Media&Communication con la SES (Società Editrice Sud, composta per il 52% dalla Fondazione Bonino-Pulejo, per il 33% dalla Italmobiliare di Carlo Pesenti e per il 15% da Mario Ciancio Sanfilippo e famiglia). I biglietti venduti sono 4300, l’incasso va interamente in beneficenza.
Lino Morganti amministratore delegato Ses in tipografia a Messina mentre stampano il 14 alle ore 23, le nuove edizioni con la grafica rinnovata della Gazzetta del Sud e del Giornale di Sicilia in edicola il 15 settembre

Lino Morganti amministratore delegato Ses in tipografia a Messina mentre stampano il 14 alle ore 23, le nuove edizioni con la grafica rinnovata della Gazzetta del Sud e del Giornale di Sicilia in edicola il 15 settembre

Il rinnovamento grafico riguarda la testata, la leggibilità e il colore. La SES, guidata da Lino Morgante, ha l’obiettivo con questo ammodernamento di rafforzare il rapporto con i propri lettori e raggiungere con maggior forza il segmento dei più giovani, sempre più attratti dal digitale.

 

“Due giornali, una stessa architettura. Uno stesso cuore, due macroaree di diffusione diverse”, spiega, intervistato dai due quotidiani, Sergio Juan, argentino, direttore dell’omonimo studio di design con sede a Barcelona, autore del progetto di restyling grafico voluto da SES.


I due quotidiani hanno un’importante storia. Il Giornale di Sicilia, quotidiano palermitano, venne fondato nel 1860 da Girolamo Ardizzone, e nel 1952 l’imprenditore Uberto Bonino diede vita a Messina alla Gazzetta del Sud, che superò i confini siciliani per diventare leader dell’informazione in Calabria.
Il gruppo editoriale SES copre oggi buona parte del Mezzogiorno con una informazione multimediale: oltre ai quotidiani, sono in campo le televisioni TGS e RTP, le radio RGS e Antenna dello Stretto e i siti web (da oggi anche il sito www.gazzettadelsud.it è in versione rinnovata e potenziata). La pubblicità locale della testate e ‘ gestita dalla Gds Media & Communication, quella nazionale da RCS MediaGroup.

 

“La crisi”, afferma l’amministratore delegato e direttore editoriale di Gazzetta del Sud Lino Morgante, presidente della Fondazione, “non ha frenato la voglia di innovare. Abbiamo accelerato il piano d’investimenti e dopo il restyling punteremo al rafforzamento della parte industriale e radiotelevisiva. Il nostro bacino di utenza sono sette milioni di calabresi e siciliani”.

Il full color (presente in tutte le pagine di Gazzetta del Sud dal 2006) è una novità per il Giornale di Sicilia, che per la prima volta viene stampato insieme con l’edizione di Messina-Sicilia della Gazzetta, nello stabilimento Ses di via Bonino a Messina dotato di una moderna rotativa KBA Commander. Una realtà industriale dove stampano anche le editrici di Tuttosport, Corriere dello Sport, Il Mattino e Il Messaggero. Nel centro gemello di Rende (Cosenza), oltre alle edizioni di Gazzetta del Sud di Reggio, Catanzaro-Vibo-Crotone e Cosenza, viene stampato anche Il Sole-24 Ore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Di Maio e i giornalisti. Mattarella: libertà di stampa grande valore. Mulè: toni mafiosi, Barachini: in Vigilanza

Le otto identità digitali degli italiani secondo GroupM – DOCUMENTO

La giostra di Mondadori illumina Iab Forum. Andrea Santagata: comunicare è soprattutto trasmettere emozioni – VIDEO