Amazon e Netflix sorpassano la tv tradizionale e fanno incetta di Emmy Awards

La cerimonia di premiazione degli Emmy Awards – i più importanti riconoscimenti televisivi internazionali – è andata in scena lunedì 17 settembre al Microsoft Theatre di Los Angeles, decretando i vincitori (e di conseguenza i perdenti) di quest’anno. L’edizione 2018 verrà ricordata sostanzialmente per la crisi dei network tradizionali, che sono stati sorpassati da canali via cavo e piattaforme come Netflix e Amazon Prime Video.

Il cast di ‘The marvelous Mrs Maisel’ , vincitore della categoria comedy

Netflix ha strappato a Hbo il titolo di network con più nomination, con 112 candidature contro le 108 dell’emittente televisiva tradizionale, e hanno concluso la serata con uno storico pareggio, vincendo 23 premi a testa. Amazon Prime Video ha fatto incetta dei premi più importanti nella categoria comedy con la sua serie ‘The Marvelous Mrs Maisel’, che si è aggiudicata le statuette di Miglior comedy, Miglior attrice protagonista in una commedia con Rachel Brosnahan, Miglior attrice non protagonista con Alex Borstein, Miglior sceneggiatura e Miglior regia di un pilot con Amy-Sherman Palladino, celebre per la serie di successo ‘Una mamma per amica’.

A tenere alta la gloria dei tradizionali network televisivi ci ha pensato ‘Il trono di spade’, che è stata insignita del premio più ambito in assoluto, quello per la Miglior serie drammatica. Lo show, targato Hbo, ha conquistato anche il premio come Miglior attore non protagonista per l’interpretazione di Peter Dinklage (settima nomination e terza vittoria).

Il cast de ‘Il trono di spade’

Ma l’edizione del 2018, andata in scena a Los Angeles, sarà ricordata anche per il primo Emmy vinto da Henry Winkler, il celeberrimo Fonzie di ‘Happy Days’, che si è aggiudicato la statuetta di Miglior attore non protagonista comedy per il suo ruolo in ‘Barry’.

Netflix ha trionfato grazie a ‘The Crown’ con il premio di Miglior attrice protagonista drammatica andato a Claire Foy, ‘Godless’ che si è aggiudicato Miglior attore e attrice non protagonista in una miniserie grazie a Jeff Daniels Merritt Wever, e ‘Seven Seconds’ che ha portato a casa la statuetta di Miglior attrice protagonista in una miniserie per l’interpretazione di Regina King.

Sempre nella categoria miniserie ha invece trionfato ‘The Assassination of Gianni Versace: American Crime Story’ di Fx. La serie ha vinto il premio come Miglior miniserie, Miglior attore protagonista con Darren Criss e Miglior Regia per Ryan Murphy, contribuendo al medagliere dei network tradizionali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Enrico Singer è il nuovo direttore responsabile di Agenzia Nova

Chi sono, cosa fanno e cosa pensano gli italiani secondo il 52° rapporto Censis

Giovanni Moglia nominato chief regulatory affairs di Tim