Riffeser Monti (Fieg): editoria, serve una legge condivisa da tutti i partiti

“La trasformazione da carta stampata a digitale deve essere accompagnata da un governo responsabile”. A dirlo è il presidente della Fieg, Andrea Riffeser Monti, in occasione del convegno sull’editoria in programma oggi a Salerno.

Andrea Riffeser Monti (Foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Il tema è quello di una legge sull’editoria che deve “durare dieci anni e che sia condivisa in Parlamento da tutti i partiti politici, visto che non è nel contratto di governo. Ma siamo sulla buona strada”.
Poi, accennando a ciò che il vice premier Luigi Di Maio ha affermato nei giorni scorsi, ossia che “gli editori dei giornali hanno le mani in pasta ovunque nelle concessioni di Stato”, ha aggiunto: “Volete dire a Di Maio che noi non abbiamo le mani in pasta? Dobbiamo farlo capire a questo governo e a questo vice ministro che autonomamente parla senza aver conoscenza dei nostri problemi quando, invece, solo per fare un esempio, a Bologna gente della Lega o dei 5 Stelle, ha un rapporto splendido con il quotidiano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Draghi sulla Superlega: preservare le competizioni nazionali; tutelare i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport

Draghi sulla Superlega: preservare le competizioni nazionali; tutelare i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport

Boom libri nel primo trimestre 2021, vendite su del 26,6%. Il canale dell’online raggiunge il +45%. Levi: Fondamentale il sostegno del pubblico

Boom libri nel primo trimestre 2021, vendite su del 26,6%. Il canale dell’online raggiunge il +45%. Levi: Fondamentale il sostegno del pubblico

Sette top manager su 10 sono social, il 23% è inattivo. De Meo, Alverà e Alessandri top LinkedIn, presidenti Serie A su Twitter. Instagram per la moda

Sette top manager su 10 sono social, il 23% è inattivo. De Meo, Alverà e Alessandri top LinkedIn, presidenti Serie A su Twitter. Instagram per la moda