Nove Millennial su dieci guardano almeno un film a settimana. Il Rapporto Cinema 2018 alla Milano Movie Week

È uscito il Rapporto Cinema 2018, lo studio che analizza i trend di consumo e gli aspetti economici della filiera dell’audiovisivo. Lo studio, giunto alla sua nona edizione, è stato presentato per la prima volta a Milano in occasione della Milano Movie Week durante un incontro a Palazzo Reale organizzato dalla Fondazione Ente dello Spettacolo, nell’ambito del progetto ‘Periferie digitali’ finanziato da Siae con il programma Sillumina. Due le novità principali nelle nuova edizione del rapporto: da una parte l’analisi dei bisogni del pubblico over 60 e Millennials, e dall’altra gli strumenti a disposizione per sostenere e sviluppare questo settore economico. Il volume è curato da Mariagrazia Fanchi, Alessandro Rosina, Bruno Zambardino e Angela D’Arrigo, con i contributi scientifici dell’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

(Foto ANSA/ UFFICIO STAMPA ASSOCIAZIONE PICCOLO CINEMA AMERICA)

Guardando ai dati, quello che emerge sui Millennials è il loro interessamento al mondo dell’audiovisivo. I giovani di età compresa tra i 20 e i 35 anni si rivelano infatti grandi consumatori di film. Considerando tutti i media, i device e le piattaforme da cui è possibile fruire di lungometraggi, il 91% dei Millennials intervistati dichiara di vedere almeno un film a settimana, mentre quasi il 50% dichiara di guardare più uno.

A prevalere sono i maschi (14,2% contro l’11,1% delle femmine) che vivono al sud (15,1%) e nel centro Italia (14,7%). Se si considera poi il parametro occupazionale, sono i Neet – i giovani che hanno smesso di studiare e che non lavorano – a rappresentare la percentuale più elevata di spettatori assidui con il 16,9%, seguiti dagli studenti con il 12,1%.

L’81,4% degli intervistati va al cinema almeno una volta a settimana e il 66,3% di loro preferisce le sale multiplex perché capaci di offrire servizi e una maggiore offerta di titoli. Dall’analisi emerge anche che molti vorrebbero andare di più al cinema, ma il prezzo del biglietto è un deterrente.

La generazione dei Millennials, seppure digitalmente evoluta, auspica un futuro di sale cinematografiche con costi più contenuti, come dimostra il successo dei Cinema Days, l’iniziativa promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo in collaborazione con Anica-Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali e i produttori, i distributori e gli esercenti cinematografici.

Considerando invece il pubblico di over 60, è in aumento il numero di quanti si recano al cinema con una certa frequenza. Dal 2001 al 2016 si parla di un incremento del +12,3% nella fascia dai 60 ai 64 anni e del +11,5 % nella fascia compresa tra i 65 e 74 anni. Sono dati che meritano attenzione perché la crescita degli anziani che frequentano le sale cinematografiche vive un aumento costante e continuo. I motivi si trovano nelle prospettive di vita più lunghe e nella voglia di socializzare, specialmente per chi è rimasto solo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Smartphone 5g: nel primo semestre 2020 generati 34 miliardi di dollari di ricavi. Samsung regina d’incassi

Smartphone 5g: nel primo semestre 2020 generati 34 miliardi di dollari di ricavi. Samsung regina d’incassi

Copyright, primo via libera del Senato a recepimento direttiva Ue. Ora ddl passa a Camera

Copyright, primo via libera del Senato a recepimento direttiva Ue. Ora ddl passa a Camera

‘Tu non sei Zlatan, non sfidare il virus’. Ibra testimonial della campagna di Regione Lombardia contro il Covid

‘Tu non sei Zlatan, non sfidare il virus’. Ibra testimonial della campagna di Regione Lombardia contro il Covid