Vittorio di Trapani (Usigrai): con il sì a Foa si snatura il ruolo della Vigilanza

Il segretario nazionale di UsigRai Vittorio di Trapani torna a parlare della riproposizione della candidatura di Marcello Foa per la carica di presidente della Rai e attraverso un comunicato ribadisce come “con il sì a Foa si snaturi la Commissione di Vigilanza”.

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

Vittorio Di Trapani, segretario Usigrai

Questo perché “la legge affida alla Vigilanza un potere speciale di ratificare la nomina del presidente della Rai a maggioranza qualificata proprio per la sua natura ‘di vigilanza e di controllo’ sui servizi radiotelevisivi. E pertanto i pronunciamenti sono fondati e motivati su questa specifica funzione. Lo stesso vale per il voto sul presidente della Rai. Per di più a maggioranza qualificata proprio per assicurare che il giudizio abbia anche i caratteri del pluralismo.

Inoltre, continua la nota, “abbiamo dato per scontato che la bocciatura registrata sul nome di Foa rispondesse a tale alta funzione normativa e costituzionale. Un eventuale cambio di opinione sul nome di Foa a quali esigenze risponde? Di sicuro non può rispondere a ragioni ‘esterne’ all’interesse dalla Rai Servizio Pubblico. Men che meno il voto può dipendere da equilibri e accordi politici, legittimi in sé ma totalmente estranei al ruolo e alla funzione della Commissione parlamentare di Vigilanza. Sarebbe una rottura grave rispetto al mandato affidato alla Commissione parlamentare dalla legge, che ne snaturerebbe il ruolo voluto chiaramente dall’ordinamento nell’interesse di tutti i cittadini”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Enrico Singer è il nuovo direttore responsabile di Agenzia Nova

Chi sono, cosa fanno e cosa pensano gli italiani secondo il 52° rapporto Censis

Giovanni Moglia nominato chief regulatory affairs di Tim