Luisa Simonetto da Elle alla vice direzione di Amica

Arriverà mercoledì 26 settembre nella redazione di Amica la nuova vice direttrice Luisa Simonetto, che si occuperà prevalentemente di attualità partecipando anche al nuovo progetto del mensile (in uscita nei primi mesi del prossimo anno) a cui stanno lavorando Emanuela Testori e la direttrice editoriale Danda Santini.

Luisa Simonetto

Luisa Simonetto

Nata a Udine 52 anni fa, laureata in lingue e letterature straniere a Padova, Simonetto ha iniziato come giornalista di moda – una sua passione fin da ragazza visto che la madre dirigeva un’importante boutique – per poi cominciare a seguire anche altri temi a Elle, dove era caporedattrice attualità.
A Milano vive dal ’92 quando si è trasferita nel capoluogo lombardo per frequentare il master in moda e comunicazione alla Image Investment fondata da Gisella Borioli e Flavio Lucchini.
Dopo una prima esperienza a Donna, dove segue moda e costume, nel ‘95 passa a Donna Moderna, sempre occupandosi di moda, inizialmente come collaboratrice a contratto e poi come praticante. A metà del praticantato Daniela Giussani la vuole a Elle dove viene assunta il 1° giugno del 2000. E qui, dopo un primo periodo dedicato alla moda, comincia a seguire attualità e viene nominata caposervizio e, nel 2012, caporedattrice.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

Stati Generali Editoria, Lorusso: al via col piede sbagliato. Affossate proposte per Inpgi e contrasto precariato

Stati Generali Editoria, Lorusso: al via col piede sbagliato. Affossate proposte per Inpgi e contrasto precariato