‘Amici’ e ‘I Simpson’, Ferragni e FaviJ. Programmi e influencer preferiti dai giovanissimi (8-13 )

L’osservatorio sui teens di MediaCom Lab – il laboratorio di ricerca di MediaCom – ha pubblicato i risultati dell’analisi sulle abitudini e l’immaginario dei ragazzi di età compresa tra gli 8 e i 13 anni,realizzato in collaborazione con FriendZ, la prima start up digitale italiana under 24.

Per trovare una risposta il più possibile esaustiva e completa alle domande relative ai desideri dei giovanissimi, ai loro idoli, interessi, giochi preferiti e consumi di media e di prodotti, senza dimenticare di salvaguardarne la privacy e la sicurezza, MediaCom Lab e FriendZ hanno coinvolti direttamente i genitori. Sono stati infatti loro a intervistare i figli, garantendo così un sistema protetto, seppur ampio numericamente e attendibile dal punto di vista qualitativo.

“Ascoltare i ragazzi è fondamentale per comprendere il linguaggio e le modalità di comunicazione di oggi e di domani, per mettere a fuoco e anticipare le tendenze. Per questo, abbiamo scelto di far diventare la ricerca realizzata nei mesi scorsi in collaborazione con FriendZ un vero e proprio osservatorio continuativo”- dichiara Erik Rollini, alla guida di MediaCom Lab.

Come dichiara l’azienda, per la seconda rilevazione l’attenzione è stata indirizzata principalmente su programmi e personaggi televisivi, musica e influencer. Il campione di intervistati ha riguardato più di 3.000 ragazzi tra gli 8 e i 13 anni, sentiti in pochi mesi.

I dati relativi ai programmi televisivi

Per quanto riguarda i programmi televisivi emerge che per il 18% dei ragazzi intervistati lo show preferito è ‘Amici’, seguito da una coda lunga di telefilm, quasi tutti in programmazione su Tv digitali e satellitari.
Tenendo in considerazione la fruizione televisiva è evidente il diverso temperamento delle ragazze – più interessate a reality come ‘Temptation Island’ – rispetto ai maschi, che propendono più per cartoni animati e partite di calcio.

L’analisi ha evidenziato che il target preso in considerazione segue la programmazione serale della tv. Parlando di personaggi televisivi preferiti infatti vengono citati nomi a volte sorprendenti per un pubblico così giovane. Tra i più amati figurano Paolo Bonolis e Gerry Scotti.
Anche in questo caso emergono differenze fra maschi e femmine nel campione preso in esame. Se i ragazzini considerano anche personaggi di fantasia come Homer Simpson e Goku di ‘Dragon Ball’, le ragazzine tendono a propendere per il mondo più adulto delle serie Tv.

Non manca la voce ‘Influencer web’ nell’analisi eseguita dall’osservatorio di Mediacom Lab. Chiara Ferragni e Me contro Te sono le predilette dalle ragazze, FaviJ rimane la prima scelta per i maschi, seguiti dai gamers per entrambi i sessi.

Solo il 6% dei maschi dichiara di seguire Fedez, che si trova però in cima alla classifica dei cantanti preferiti, con un netto distacco da altri artisti come J-Ax.
Per le femmine invece le preferenze dei cantanti sono molto più frammentate e legate soprattutto ai personaggi di Amici: spiccano infatti Riki, Irama e Emma, tutti e tre provenienti dal talent di Canale5.

I dati relativi ai cantanti

Se si considera il tema giochi il panorama si divide in due profili molto diversi: da un lato spicca la socialità delle bambine, che preferiscono giochi di carte e giochi da tavolo a quelli digitali, e dall’altro la dimensione individuale dei ragazzini che amano i digital games.

I dati relativi ai giochi

“L’obiettivo di questo osservatorio permanente è di fornire ai nostri clienti uno strumento in grado di intercettare il sentire dei più giovani rispetto al mondo dei consumi, riconoscendone il ruolo di portatori di innovazione in famiglia e capaci di influenzare le scelte di acquisto degli adulti” conclude Rollini.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 90% dei giornalisti fa ricerche online per un articolo, TW e Linkedin i social più usati. Ricerca L45

Editoria, approvato dal Cdm il decreto legge che prevede l’azzeramento del fondo pubblico – VIDEO

Rapporto Censis sulla comunicazione: desincronizzazione dei palinsesti, mobile tv, radio online, press divide…