Blue Financial Communication perfeziona l’acquisto di Reteconomy

Il Cda di Blue Financial Communication si è riunito oggi per approvare la semestrale e per perfezionare l’opzione di acquisto, esercitabile entro il 31 dicembre 2019, di Reteconomy, la società editrice dell’omonimo canale televisivo, con cui è stato definito un accordo per la produzione e la messa in onda di contenuti realizzati da Bfc sul canale 512 di Sky e sul 260 del digitale terrestre.
Il nuovo palinsesto verrà presentato all’inizio di ottobre.

Denis Masetti

Denis Masetti

La costituzione del nuovo dipartimento per l’ideazione, la produzione e la post produzione, ha reso necessario un ampliamento della sede di Bfc in via Melchiorre Gioia a Milano.
Per quanto riguarda i risultati dei primi sei mesi del 2018, il conto economico consolidato presenta ricavi che raggiungono a 3 milioni 229mila 785 euro, 72% in più rispetto ai 1, 878 milioni del 30 giugno dello scorso anno (l’esercizio 2017 si è chiuso con un fatturato di circa 3,5 milioni). L’aumento è dovuto principalmente al lancio dell’edizione italiana del mansile Forbes.
Inoltre se l’Ebitda è di 408mila 609 euro (+122 in più in confronto allo scorso anno), l’utile lordo è arrivato a 194mila 549 euro con un incremento dell’84% sui primi sei mesi del 2017)

Leggi o scarica il comunicato stampa (Pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”