Tim, Vivendi conferma fiducia a Genish: su di lui solo stupidi rumor

Vivendi conferma il suo sostegno all’ad di Tim, Amos Genish, e condanna “i rumor anonimi e orribili” diffusi da “persone con interessi personali” su di lui. “Abbiamo sempre supportato il ceo di Tim, continuiamo a supportarlo, non è cambiato niente” afferma un portavoce di Vivendi all’Ansa, dopo che sulla stampa sono tornate a circolare voci di un’uscita del manager, che non godrebbe più della fiducia dell’azionista francese.

Amos Genish (Ansa)

Amos Genish (Ansa)

“Riteniamo che questi rumor siano molto insidiosi, che ci siano persone con interessi personali che hanno interesse a diffondere rumor anonimi e orribili su Genish, persone che stanno cercando di fare danni e non stanno agendo nell’interesse di Tim e degli azionisti. Condanniamo del tutto questo comportamento. Questi stupidi rumor, anche personali, su Mr Genish sono una cosa orribile. Neghiamo tutti questi rumor”, la dura presa di posizione di Vivendi.

“Ci chiediamo – ha aggiunto il portavoce – da dove provengano questi rumor, se provengono da anonimi membri del board, se provengono da Singer, cioè da Elliott. Non riusciamo a capire chi e perché sta creando questi rumor”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo