Lego, Bosch e Rolex i brand con migliore reputazione in Europa. Top 100 Eu5 RepTrak 2018

È uscita la classifica 2018 Eu5 RepTrak che Reputation Institute (Ri) – azienda che si occupa di servizi di monitoraggio, misurazione e gestione della reputazione – stila anno per anno.

Eu5 RepTrak è il più grande studio di reputazione aziendale cross-Paese, basato su oltre 87mila valutazioni individuali tra i consumatori dei cinque paesi europei più industrializzati dell’Europa: Italia, Germania, Francia, Spagna e Regno Unito.

Sono state analizzate oltre 140 multinazionali, valutandone il legame emotivo costruito con gli stakeholders che impatta i loro comportamenti nei confronti delle aziende stesse come l’intenzione di acquisto, la probabilità di raccomandare e la volontà di lavorarci.

Sul podio della classifica dominano Lego, Bosch e Rolex, seguito a ruota da Sony. Stando all’analisi effettuata, sono tutte aziende con una reputazione eccellente (superiore ad 80 punti). Al quinto posto c’è Samsung, seguita da Canon, Michelin e Walt Disney Company. In nona e decima posizione rispettivamente Adidas e Amazon. Lego , Bosch e Sony hanno conquistato posti più alti rispetto alle classifiche precedenti, mentre Rolex ha perso posizioni.

Le prime dieci posizioni della classifica Eu5 RepTrak 2018, con indicatore di variaizoni di posizione

Il tratto distintivo che ha permesso a Lego di posizionarsi al primo posto in classifica è stato legato all’impegno della società a costruire un forte marchio aziendale, tramite investimenti nell’ambito della responsabilità sociale e una profonda determinazione a innalzare il livello di engagement tra i suoi principali stakeholder.

Guardando alle aziende italiane, la prima a posizionarsi nell’Eu5 RepTrak 2018 è Ferrero – già riconosciuta come azienda italiana più reputata al mondo secondo il Global RepTrank 100 pubblicata a marzo – che si aggiudica il dodicesimo posto. A seguire Barilla al quattordicesimo posto, Pirelli al ventesimo e Lavazza al ventiseiesimo.

La classifica completa dell’Eu5 RepTrak 2018

Importanza delle attività di responsabilità sociale, forte connessione emotiva con i consumer – in particolare da parte del ceo – sono i fattori necessari per liberare il potenziale reputazionale delle aziende, contribuendo ad accrescerne il business. Ormai fondamentali per conquistare la leadership reputazionale di un determinato settore, questi elementi sono stati resi noti dallo stesso studio Eu5 RepTrank 2018.

Inoltre, come afferma Michele Tesoro Tess, Vicepresidente esecutivo Emea presso Reputation Institute, “per competere a livello globale nella Reputation Economy, le aziende devono comprendere le singolari sfide reputazionali di ogni singola area, come l’Ue. Le aziende – anche se globali – non possono più semplicemente adottare un approccio ‘one-company-one message’ per la loro narrazione aziendale; devono saper intercettare le aspettative chiave dell’Europa, specialmente in un contesto come quello che imporrà la Brexit”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Lo sport in Italia vale 17 miliardi di euro. E cresce il ricorso alle sponsorizzazioni come forma di marketing

Previsioni Zenith: +18% annuo per l’online video advertising globale e +1,7% per il mercato pubblicitario italiano in chiusura 2018

Cambia la fruizione degli show tv: 6 su 10 fanno binge watching e per seguire le serie rinunciano a tutto