Sky: Comcast batte Fox e si aggiudica il controllo della pay tv all’asta

Comcast ha vinto l’asta per acquisire il controllo di Sky con un’offerta da quasi 30 miliardi di sterline che ha superato quella della rivale 21st Century Fox. L’ultima offerta di Comcast per Sky è stata di 17,28 sterline per azione, contro le 15,67 sterline della Fox di Rupert Murdoch.

L’asta – una procedura insolita, utilizzata solo raramente in Uk per risolvere importanti sfide di takeover – è stato solo l’ultimo atto di una saga iniziata  a dicembre 2016, quando Fox si era fatta avanti per acquisire la quota di Sky non ancora in suo possesso, pari al 61% . Nel 2018, era entrata successivamente in scena anche Comcast, che nello steso periodo è stata protagonista dello scontro con Disney per accaparrarsi gli asset di intrattenimento della stessa 21st Century Fox.

Brian L. Roberts, ceo e chairman di Comcast

La parola passa ora agli azionisti di Sky, che hanno due settimane di tempo, fino all’11 ottobre, per decidere. Resta da vedere cosa farà Murdoch, con il suo pacchetto del 39% di azioni Sky. La società ha infatti fatto sapere che sta “considerando le varie possibilità e potrebbe fare ulteriori annunci”. Tra le ipotesi, secondo alcune indiscrezioni ci sarebbe anche l’opzione relativa alla vendita della quota in Sky.

Intanto, intervistato dal Financial Times, l’amministratore delegato di Comcast, Brian Roberts  ha ribadito che la ptv inglese opererà in modo indipendente ma “con le risorse di una società da 150 miliardi di dollari alle spalle”.  Sempre secondo il giornale Jeremy Darroch, attuale ad di Sky, dovrebbe restare alla guida dopo l’acquisizione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Parte il progetto ‘Nuovo Bauhaus Europeo’. Von der Leyen: abbiamo bisogno di tutte le menti creative, designer, artisti, scienziati…

Parte il progetto ‘Nuovo Bauhaus Europeo’. Von der Leyen: abbiamo bisogno di tutte le menti creative, designer, artisti, scienziati…

Tlc, Di Stefano: Realizzare una società unica della rete è necessario per lo sviluppo digitale. Peccato che Enel esca da Open Fiber

Tlc, Di Stefano: Realizzare una società unica della rete è necessario per lo sviluppo digitale. Peccato che Enel esca da Open Fiber

Social e censura. Giornalisti ed esperti ne parlano domani nell’evento streaming “Come cambiano le piattaforme digitali. Da postini a editori” di Asr

Social e censura. Giornalisti ed esperti ne parlano domani nell’evento streaming “Come cambiano le piattaforme digitali. Da postini a editori” di Asr