Fazio vince, il volley schiaccia Victoria, la Juve batte Giletti, Venier stacca D’Urso che supera Parodi

Bene ma non benissimo Fabio Fazio che ha lasciato a distanza Massimo Giletti, ma ha sofferto un po’ la concorrenza interna del volley. Conferma complessiva per Rai1, leader di giornata già con il contenitore del pomeriggio e Mara Venier. Domenica sportiva che più sportiva non si può quella del 23 settembre, ma anche caratterizzata dalla presenza di alcuni protagonisti della cronaca internazionale nei talk in onda sulle reti generalista. Tante le sfide attese e televisivamente rilevanti, quella tra Dovizioso e Marquez, tra Italia e Olanda di volley, tra Benevento e Juve, tra ‘Che tempo che fa’ e ‘Non è l’Arena’, tra la Venier e la D’Urso, in un pomeriggio contraddistinto pure dai ritorni sull’ammiraglia pubblica di Lucia Annunziata e Cristina Parodi.

In prima serata, aprendo con gli sfollati del ponte Morandi e puntando molto su Francesco Totti, ha vinto Fazio: 3,7 milioni di spettatori e 16,5% di share con la prima parte del suo talk.

Gli ha sottratto un po’ di pubblico e gli ha tolto la leadership per una fetta di seconda serata la miracolosa pallavolo: su Rai2 ‘Italia-Olanda’, con gli Azzurri comunque già qualificati per la fase finale, ha comunque ottenuto 2,520 milioni di spettatori e l’11,4%.

Battuta la miniserie di Canale 5 (‘Victoria’ 1,596 milioni e 7,7%) e lasciata a distanza – anche da Fazio, ovviamente – la prima puntata di ‘Non è L’Arena’ su La7.

Massimo Giletti ha aperto con Matteo Salvini, discusso di politica e palazzo con Myrta Merlino, Dino Giarrusso e Maurizio Paniz e quindi, dalle 22.30 in poi ha proposto in esclusiva l’intervista a Jimmy Bennett, l’attore californiano che ha accusato Asia Argento di averlo molestato quando era minorenne. Il programma così confezionato ha incassato 1,267milioni di spettatori e il 7,12% tra le 20.36 e le 24.46, soffrendo la concorrenza di due eventi sporti importanti.

Su Sky la partita della Juventus, impegnata a Frosinone, ha conquistato ben 1,6 milioni di spettatori e il 7,2%, battendo pure l’ammiraglia del Biscione per ascolti.

E su Tv8 il ‘Gran Premio di Aragon’ della MotoGp, trasmesso in differita, ha conquistato 1,058 milioni e 4,5% di share su Tv8.

Meglio di Tv8 hanno fatto Rai3 (‘Amore Criminale’ 1,180 milioni e 5,83%) e Italia 1 (‘Edge of Tomorrow’, 1,178 milioni e 5,6%), ma non Rete 4 (‘Baciato dalla sfortuna’ 885mila e 4,2%).

 

Interessanti le dinamiche del pomeriggio.

Su Rai1 ‘Domenica In’ (i protagonisti di Miss Italia in primo piano in apertura) ha conquistato il 15,8%, nella prima parte in onda dalle 13.59 alle 15.41 e il 15,78%, nella seconda parte in onda dalle 15.46 alle 17.26.  Poi ‘La Prima Volta’, con Cristina Parodi, ha raccolto il 13,64%.

Su Canale 5 ‘Domenica Live’ ha raccolto il 10,9% con la presentazione, il 13,58% con l’Attualità in onda fino alle 16.55, il 16,46% con le Storie in onda dalle 17 alle 17.18, il 17,21% dalle 17.22 alle 17.55, e il 16.88% dalle 17.59 alle 18.31. Su Rai2 ‘Quelli che Aspettano’ (6.89%) e ‘Quelli che il Calcio’ (8,51%) ha tenuto bene.

E ha fatto discretamente, all’esordio su Rai3 ‘Mezz’Ora in Più’. Ospitando in apertura Paolo Savona e quindi tra gli altri Giorgia Meloni, la trasmissione si è attestata al 6,03%.

Il bilancio in contrapposizione? ‘Domenica In’ (15,8%) ha battuto ‘Domenica Live’ (13,4%). La D’Urso, puntando sulla sorellastra di Megan Markle ha battuto la Parodi: ‘La Prima Volta’ al 13,42% e ‘Domenica Live’ al 16,35%.

In seconda serata le curve dicono che Fazio è stato in testa fino alle 22.55, poi è passata in vantaggio Italia-Olanda di volley, con la ‘DS’ che è rimasta davanti al tavolo del talk di Rai1. Dopo mezzanotte, infine, Giletti ha affiancato Rai2 in testa.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editori al contrattacco: Governo agisce al contrario degli altri Paesi europei. Riffeser: sì a confronto, no a minacce e denigrazioni

Profondo restyling per A&F di Repubblica, in edicola dal 22 ottobre. Calabresi: fatwa di Di Maio ha portato abbonamenti

Nasce Milano Running Festival, primo festival italiano del podismo. Ad aprile con Generali Milano Marathon