Ranieri stacca il GF VIP, Striscia batte Amadeus, Porro cresce con Salvini, ma su Rete 4 fa flop anche Giordano

Con un melò di Picomedia che sembra fatto un po’ in stile Cologno, Luisa Ranieri (5,6 milioni e 24,9% con ‘La Vita Promessa’) ha battuto Ilary Blasi e Alfonso Signorini (3,341 milioni e 21% per il battesimo del ‘Gf Vip’), alla conduzione di un reality con un cast di famosi meno trash di quello della scorsa edizione.

Nel periodo in cui le due trasmissioni sono state in onda contemporaneamente la fiction su Rai 1 ha ottenuto 5,6 milioni ed il 25%, lo show di Canale 5 4,1 milioni ed il 18,4%.

Sul terzo gradino del podio a sorpresa si è seduta Licia Colò, al rientro in tv su una Rai2 (‘Niagara’ a 1,4 milioni e 6,3%) accesa dalla pallavolo miracolo delle ultime serate. Senza infamia e senza lode le prestazioni del film di Italia1 (‘Safe House’ a 1,2 milioni e 5,5%) e – considerate le attese – del telefilm de La7 (i quattro episodi di ‘Body of proof’ a 440mila spettatori e 2,42%).

Ha perso molto seguito rispetto alla prima puntata ‘Presa Diretta’: Riccardo Iacona ospitando il presidente della Camera Roberto Fico e poi parlando di lavoro sulla terza rete è calato a 878 mila spettatori ed il 3,8%, facendo poco meglio della seconda puntata di ‘Quarta Repubblica’ su Rete 4.

Ospitando a lungo Matteo Salvini nella prima parte della trasmissione, Nicola Porro è salito un po’ rispetto a sette giorni prima, a quota 824 mila spettatori con il 4,4% di share, ma rimanendo distante da un livello sufficiente di consensi.

Perdenti, chi più chi meno, in questa fase stanno risultando molti dei personaggi che dovevano definire la nuova identità giornalistica di Rete 4. Ieri in access ‘Otto e mezzo’, con Andrea Scanzi, Oscar Farinetti, Francesco Borgonovo e Mario Morcone da Lilli Gruber, ha ottenuto 1,746 milioni e 6,93% dalle 20.43 alle 21.22.

Mentre su Rete 4 ‘Stasera Italia’ con Tommaso Labate, Alessandra Mussolini, Andrea Romano e Antonio Rinaldi da Barbara Palombelli nella prima parte e poi Nicola Zingaretti nella fase finale, ha portato a casa 1,1 milioni di spettatori e 4,65% di share fino alle 20.55 e solo 968mila spettatori e il 3,76% nella tranche conclusiva.

Consolazione parziale per Cologno, ieri al rientro ‘Striscia la Notizia’ (5,5 milioni e 21,63%) ha battuto ‘I Soliti Ignoti’ (4,778 milioni e 18,92%).

Discreto, in questo stesso segmento affollato, il bilancio del battesimo di ‘Quelli che dopo il Tg’ su Rai2: ospitando Emilio Fede e facendolo interagire con un Rocco Casalino versione Ubaldo Pantani, la trasmissione satirica ha ottenuto 1,2 milioni ed il 4,7% di share.

I problemi di performance della nuova Rete 4 ieri si sono estesi. Ha esordito male in preserale, infatti, prima di ‘Tempesta d’amore’, l’ex direttore del tg, Mario Giordano. ‘Fuori dal coro’ ha ottenuto solo 650mila spettatori e il 3,53% di share.

In seconda serata Fabio Fazio ha perso nettamente contro il reality vip di Canale 5. ‘Che fuori tempo che fa’, con Max Pezzali e Mago Forest alla co-conduzione, il collegamento con Maurizio Crozza e tanti ospiti al tavolo notturno, ha avuto 1,071 milioni di spettatori e il 10,95% di share. Molto meglio ha fatto il ‘GF Vip’, che in questa fase ha marciato sopra il 30% di share.

Schiacciato – nonostante il buon traino della Colò, anche l’esordio di ‘Night Tabloid’ su Rai2. Annalisa Bruchi, Aldo Cazzullo, Alessandro Gioli e Claudio Sabelli Fioretti hanno conseguito solo 349 mila spettatori e il 3,93%.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, sottosegretario Vacca (M5s): risposta sbagliata a giusto problema. Favorisce i grandi gruppi editoriali a discapito dei piccoli

Copyright, sottosegretario Vacca (M5s): risposta sbagliata a giusto problema. Favorisce i grandi gruppi editoriali a discapito dei piccoli

Cairo Communication: nel 2018 utile a 60,3 milioni, in crescita del 19,5%. Proposto dividendo a 0,14 euro

Cairo Communication: nel 2018 utile a 60,3 milioni, in crescita del 19,5%. Proposto dividendo a 0,14 euro

Lucetta Scaraffia e la redazione di Donne Chiesa Mondo lasciano in blocco l’inserto mensile dell’Osservatore Romano

Lucetta Scaraffia e la redazione di Donne Chiesa Mondo lasciano in blocco l’inserto mensile dell’Osservatore Romano