Prs Editore lancia ‘L’Enigmistica in inglese’, rivista trimestrale di giochi in lingua

Debutta nelle edicole giovedì 27 settembre ‘L’Enigmistica in inglese’, rivista di cruciverba e altri giochi in lingua creati appositamente per i lettori italiani che vogliono divertirsi e insieme migliorare il proprio inglese. Il magazine esce con cadenza trimestrale e il prezzo è di 2,90 euro.

La copertina di L’Enigmistica in inglese

L’Enigmistica in inglese è edita da Prs Editore, che ad oggi pubblica dodici riviste di enigmistica, tra le quali Domenica Quiz, Quiz Mese, Quiz Ermetici, Corriere Enigmistica Mese, Corriere Enigmistica Junior e Sudoku Diabolici.

La rivista, spiega una nota stampa, è pensata soprattutto per chi conosce l’inglese a un livello intermedio o superiore, ma all’interno sono presenti anche giochi più semplici e  facilitati da immagini per chi ha una conoscenza elementare. Inoltre,  ad alternarsi tra un gioco e l’altro, ci sono aiuti, spiegazioni e mini-dizionari studiati per rendere fruibile la rivista anche da chi sta iniziando il suo percorso di apprendimento dell’inglese.

I giochi sono suddivisi su più livelli di difficoltà per quanto riguarda sia le capacità enigmistiche, sia la conoscenza della lingua. Ai giochi classici, quali cruciverba, puzzle e crittografici, sono affiancati anche i rebus bilingue, le catene di parole e giochi-lampo che si distinguono per la loro immediatezza.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Dal 9 dicembre CG TV sbarca sulle Smart TV Samsung. Il canale sarà visibile gratuitamente

Dal 9 dicembre CG TV sbarca sulle Smart TV Samsung. Il canale sarà visibile gratuitamente

Sostenibilità. Il Sole 24 Ore e Statista lanciano ‘Leader della sostenibilità 2021’, l’iniziativa che premia le imprese più green

Sostenibilità. Il Sole 24 Ore e Statista lanciano ‘Leader della sostenibilità 2021’, l’iniziativa che premia le imprese più green

Vodafone e Disney, l’ora più smart per i bambini (e i genitori)

Vodafone e Disney, l’ora più smart per i bambini (e i genitori)