Ventura batte Proietti e oscura Di Maio, Floris su Amadeus. Renzi e Gruber staccano Monti e Palombelli

Una fiction buonista contro un docureality ‘cattivo’, tanta politica e tanti politici on air. E poi l’Inter contro la Viola su Sky, ma anche contro Giovanni Floris. Che si trovava di fronte la solita Bianca Berlinguer, ma anche Amadeus. Martedì televisivo variopinto quello del 25 settembre, destabilizzato in prima serata dall’anticipo del turno infrasettimanale della Serie A.

Su Sky il bel match tra Inter-Fiorentina ha ottenuto 1,653 milioni di spettatori e il 6,6%, facendo quasi tanto quanto Frosinone-Juve, che pochi giorni prima aveva ottenuto 1,7 milioni e 7,5%.

Il calcio ha inciso sulle prestazioni dei talk giornalistici, ma anche sulla sfida delle ammiraglie. Su Canale 5 la seconda puntata di ‘Temptation Island Vip’, con tutta la famiglia allargata Bettarini-Ventura on air, ha conquistato 3,992 milioni e il 22,21% nella sua durata sterminata, in progresso rispetto all’esordio.

Simona Ventura ha battuto Gigi Proietti, in calo di duecentomila spettatori su Rai1: la fiction ‘Una pallottola nel cuore3’, ha conquistato 3,831 milioni di spettatori e il 16,54%, ma il distacco dal programma della Fascino di Maria De Filippi è ancora più ampio se si considera la fase in cui le trasmissioni sono andate in onda contemporaneamente: Canale 5 ha avuto oltre 4,4 milioni di spettatori ed il 19,2% di share, mentre Rai1 si è fermata a 3,8 milioni di spettatori e il 16,6%.

Al fotofinish è finita la gara per la terza posizione virtuale sul podio. La graduatoria per ascolti mette in fila Rai2 (‘Stasera Tutto è possibile’ a 1,439 milioni di spettatori e il 6,6% all’esordio, sotto le attese), La7 (‘DiMartedì’ a 1,436milioni e 6,7%) e Rai3 (‘#Cartabianca’ a 1,023 milioni e 4,75%).

Ma se si considera il periodo in sovrapposizione Floris (1,5 milioni e 7%: dopo l’avvio con Marco Travaglio, Massimo Franco e Massimo Giannini, ha proposto le interviste a Pierluigi Bersani e Paolo Gentiloni), stacca ampiamente Amadeus e i suoi giochi (1,4 milioni e 6,6%), con la Berlinguer distante (a 1,051 milioni e 4,83%: dopo il solito Mauro Corona sono passati Alfonso Bonafede e Maurizio Martina e nel finale c’è stato Chef Rubio). Fuori dai giochi, in posizione marginale sono rimaste Italia1 (‘Transformers’ a 799mila e 3,85%) e Rete4 (‘58minuti per morire’ 693mila e 3,26%.

La serata ha però offerto tanti altri spunti ‘politici’. In access – nella sfida tra due ex premier attualmente molto impopolari – ha fatto meglio l’ex segretario del PD. Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Matteo Renzi e Antonio Padellaro ospiti di Lilli Gruber, ha avuto 1,745 milioni di spettatori e il 6,88% dalle 20.41 alle 21.15.

Mentre su Rete 4 ‘Stasera Italia’, con Mario Monti (e Stefano Feltri, Emiliana Alessandrucci e Mario Giordano) da Barbara Palombelli, ha conseguito 1,129 milioni di spettatori e il 4,65% fino alle 20.55 e 1,071 milioni e il 4,13% fino alle 21.25.

In nottata il vicepremier cinquestelle è stato travolto dalle vicende di Valeria Marini e Patrick Baldassarri, Stefano Bettarini e Nicoletta Larini, Andrea Zenga e Alessandra Sgolastra, Nilufar Addati e Giordano Mazzocchi, Sossio Aruta e Ursula Bennardo. La nuova puntata della nuova stagione di ‘Porta a porta’, con Bruno Vespa alla conduzione e Luigi Di Maio ospite ha prodotto 1,133 milioni di spettatori e l’11,27%. Nella stessa fase ‘Temptation Island Vip’ correva sopra la linea del 30%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, pagina italiana di Wikipedia oscurata prima del voto. L’enciclopedia online: direttiva influirà su libertà di espressione

Copyright, pagina italiana di Wikipedia oscurata prima del voto. L’enciclopedia online: direttiva influirà su libertà di espressione

<strong> 24 marzo </strong>Ambra batte Fazio, The Good Doctor, calcio, Iene. Ok Giletti e Mentana lucano

24 marzo Ambra batte Fazio, The Good Doctor, calcio, Iene. Ok Giletti e Mentana lucano

Rai Way: Agrusti lascia la presidenza e il Cda per motivi personali

Rai Way: Agrusti lascia la presidenza e il Cda per motivi personali