Rai, Usigrai: gravi le parole di Foa su mandato affidato dal governo. E’ contro la legge

“‘Il mandato che mi è stato affidato dal governo’. Così Marcello Foa davanti alla commissione parlamentare di Vigilanza Rai. Una dichiarazione grave che chiarisce in maniera ufficiale e definitiva che la sua indicazione alla presidenza della Rai arriva direttamente governo”. E’ il commento dell’Usigrai al termine dell’intervento di Marcello Foa in Commissione di Vigilanza.

Vittorio di Trapani, segretario dell’Usigrai (Foto: Ansa/Fabio Campana)

“Un fatto che è palesemente contro la legge”, ha rimarcato l’esecutivo. “Il governo non deve avere alcun ruolo nella scelta del presidente, non deve interferire in alcun modo. Perché è una scelta nella esclusiva titolarità del consiglio di amministrazione, con la vigilanza parlamentare attraverso il voto con quorum qualificato”.

“Come può il Parlamento, attraverso la Commissione di Vigilanza Rai, accettare questa lesione delle proprie prerogative e questa prevaricazione del governo?”, si chiede in conclusione il sindacato.

Ad audizione in corso, una prima presa di posizione contro questa affermazione era stata presa dal segretario UsigRai, Vittorio di Trapani, che sui suoi profili social ha scritto: Marcello Foa in #VigilanzaRai: ‘Il mandato che mi è stato affidato dal governo’. Dal governo? Ma, per legge, il governo non ha alcun potere nella scelta del Presidente della #Rai. Anzi, non #deve avere alcun ruolo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP SOCIAL KEY PEOPLE. Su Primaonline debutta la classifica dei 5 personaggi più performanti per piattaforma

TOP SOCIAL KEY PEOPLE. Su Primaonline debutta la classifica dei 5 personaggi più performanti per piattaforma

Ronaldo vs Messi, la sfida infinita. La Pulce non è più il giocatore più pagato. Per Forbes in vetta ora c’è CR7

Ronaldo vs Messi, la sfida infinita. La Pulce non è più il giocatore più pagato. Per Forbes in vetta ora c’è CR7

Pmi italiane fanalino di coda in Europa per digitalizzazione. Pessimo anche l’uso di marketing e comunicazione digitali

Pmi italiane fanalino di coda in Europa per digitalizzazione. Pessimo anche l’uso di marketing e comunicazione digitali