‘Tempo di Libri’: Levi, Torino dice no a Milano, decisione rinviata al 28 ottobre

Torino dice nuovamente di “no” a Milano. “Abbiamo proposto a Torino di unire le nostre forze mettendo insieme il meglio di ciò che Torino e Milano possono portare a un disegno e a un progetto più largo, ma ci è stato risposto di no”. Queste le parole del presidente dell’Associazione Italiana Editori, Ricardo Franco Levi, all’uscita dal consiglio di oggi dell’Aie, parlando del futuro dei due Saloni e di ‘Tempo di Libri’.

Ricardo Franco Levi (Foto ANSA/ ROBERTO RITONDALE)

“La nostra proposta al Salone di Torino – prosegue Levi – è arrivata dopo che editori grandi e piccoli ci hanno detto con grande chiarezza che se rimanessero due fiere del Libro, una a Milano e una Torino, a poca distanza una dall’altra e a poche settimane una dall’altra e di fatto con un modello simile, questo comporterebbe per loro un onere finanziario-economico non sopportabile”.

Ogni decisione sul futuro di ‘Tempo di Libri’ è rimandata – ha concluso il presidente dell’Aie – a  “dopo il consiglio di amministrazione di Fiera Milano, il 28 ottobre prossimo, e dopo quella data terremo in considerazione tutte le opzioni”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mediaset, Confalonieri: poche possibilità d’intesa con Vivendi

Mediaset, Confalonieri: poche possibilità d’intesa con Vivendi

Facebook valuta possibili modifiche per gli spot politici

Facebook valuta possibili modifiche per gli spot politici

Manzoni: prosegue la riorganizzazione con l’ipotesi di chiusura per sedi locali e trasferimento collettivo a Milano

Manzoni: prosegue la riorganizzazione con l’ipotesi di chiusura per sedi locali e trasferimento collettivo a Milano