‘Tempo di Libri’: Levi, Torino dice no a Milano, decisione rinviata al 28 ottobre

Torino dice nuovamente di “no” a Milano. “Abbiamo proposto a Torino di unire le nostre forze mettendo insieme il meglio di ciò che Torino e Milano possono portare a un disegno e a un progetto più largo, ma ci è stato risposto di no”. Queste le parole del presidente dell’Associazione Italiana Editori, Ricardo Franco Levi, all’uscita dal consiglio di oggi dell’Aie, parlando del futuro dei due Saloni e di ‘Tempo di Libri’.

Ricardo Franco Levi (Foto ANSA/ ROBERTO RITONDALE)

“La nostra proposta al Salone di Torino – prosegue Levi – è arrivata dopo che editori grandi e piccoli ci hanno detto con grande chiarezza che se rimanessero due fiere del Libro, una a Milano e una Torino, a poca distanza una dall’altra e a poche settimane una dall’altra e di fatto con un modello simile, questo comporterebbe per loro un onere finanziario-economico non sopportabile”.

Ogni decisione sul futuro di ‘Tempo di Libri’ è rimandata – ha concluso il presidente dell’Aie – a  “dopo il consiglio di amministrazione di Fiera Milano, il 28 ottobre prossimo, e dopo quella data terremo in considerazione tutte le opzioni”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, sottosegretario Martella: stop alle aggressioni, difendiamo l’informazione. Da Salvini frasi inaccettabili

Editoria, sottosegretario Martella: stop alle aggressioni, difendiamo l’informazione. Da Salvini frasi inaccettabili

Vigilanza Rai, pronto il testo sui limiti alle esternazioni social dei dipendenti del servizio pubblico

Vigilanza Rai, pronto il testo sui limiti alle esternazioni social dei dipendenti del servizio pubblico

Papa: globalizzazione nociva quando uniforma tutto. Informazione locale, più autentica e vicina alla gente

Papa: globalizzazione nociva quando uniforma tutto. Informazione locale, più autentica e vicina alla gente