Quotidiano del Sud: Roberto Marino nominato condirettore

A partire dal 28 settembre, Roberto Marino, attuale responsabile dell’edizione della Basilicata del Quotidiano del Sud, assume la carica di condirettore del giornale edito da Edizioni Proposta Sud. Lo comunica una nota dell’editrice, nella quale si specifica che la decisione è avvenuta “su proposta del direttore responsabile, Rocco Valenti”.

Marino, 66 anni, salernitano di origine ma da anni trapiantato in Abruzzo, giornalista professionista dal 1987 , dal gennaio 2012 lavora al Quotidiano, dove ha ricoperto gli incarichi di capocronista a Catanzaro e Cosenza e di caporedattore centrale.

Dopo gli inizi come cronista a Paese Sera, dove è stato anche caposervizio dello Sport, Marino ha lavorato all’Agl (Agenzia giornali locali) a Roma e per anni nei giornali del gruppo Espresso-La Repubblica: al Tirreno come responsabile delle redazioni di Massa e Carrara, all’Alto Adige-Corriere delle Alpi quale caporedattore centrale vicario e al Centro, quotidiano dell’Abruzzo, prima come caporedattore centrale e poi come direttore responsabile.

“Allievo di Giuseppe Marrazzo, Ennio Simeone e Alfonso Madeo”, ricorda ancora la nota, Marino ha ricoperto anche il ruolo di direttore della Nuova Basilicata e redattore nel Giornale di Napoli di Orazio Mazzoni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Google: 1 miliardo di dollari per pagare gli editori. In arrivo Showcase, nuova sezione con news scelte dalle testate partner

Google: 1 miliardo di dollari per pagare gli editori. In arrivo Showcase, nuova sezione con news scelte dalle testate partner

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE secondo Comscore. In agosto non cala l’interesse per l’informazione online. Sul podio Ciaopeople, Evolution Adv e Citynews

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE secondo Comscore. In agosto non cala l’interesse per l’informazione online. Sul podio Ciaopeople, Evolution Adv e Citynews

Turchia, entra in vigore la ‘legge bavaglio’ sui social. Le Ong: vogliono bloccare il dissenso

Turchia, entra in vigore la ‘legge bavaglio’ sui social. Le Ong: vogliono bloccare il dissenso