Crimi: gli editori devono essere trasparenti come algoritmi

“Se trasparenti devono essere gli algoritmi, cioè le logiche che stanno alla base delle scelte di una piattaforma, così dovrebbero essere trasparenti anche le scelte editoriali fatte dai giornali, dalle televisioni, da chiunque fa informazione”. Così Vito Crimi, sottosegretario con delega all’editoria a margine del convegno ‘Public Mind: costruzione dell’opinione pubblica nell’era dell’algoritmo‘ in occasione dell’edizione 2018 del Premio Nostalgia di Futuro, che ricorda Giovanni Giovannini, giornalista e presidente della Fieg dal 1976 al 1996.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Video correlati

Google debutta nel mondo dei videogiochi in streaming con Doom e un nuovo joystick Google debutta nel mondo dei videogiochi in streaming con Doom e un nuovo joystick

Google debutta nel mondo dei videogiochi in streaming con Doom e un nuovo joystick

‘Ciapa su el camel e turnet a ca’. Campagna Pubblicità Progresso sull’integrazione culturale ‘Ciapa su el camel e turnet a ca’. Campagna Pubblicità Progresso sull’integrazione culturale

‘Ciapa su el camel e turnet a ca’. Campagna Pubblicità Progresso sull’integrazione culturale

Il Fatto sbarca in Borsa. L’editrice debutta al mercato Aim Italia Il Fatto sbarca in Borsa. L’editrice debutta al mercato Aim Italia

Il Fatto sbarca in Borsa. L’editrice debutta al mercato Aim Italia