Luisa Ranieri va forte come Luca Zingaretti e stacca Ilary Blasi. Male Porro, Gruber batte Palombelli

Un intenso melodrammone, che non è partito benissimo con gli ascolti, ma poi è progressivamente cresciuto ed è terminato con un risultato notevole, il migliore di questo avvio di stagione di Rai1. L’ultima puntata de ‘La Vita Promessa’ ha riscosso ben 6,1 milioni di spettatori e il 26,2%, con Luisa Ranieri che si è confermata – come il marito Luca Zingaretti al maschile – il volto femminile più forte e credibile della nostra fiction di produzione.

La storia di passione, frustrazione, dolore ed emigrazione ambientata in America nel cuore del novecento ha lasciato a distanza la seconda puntata de ‘Il Grande Fratello Vip’ (ieri sostanzialmente stabile a 3,2 milioni e 19% su Canale 5).

Nel periodo in cui le due trasmissioni sono state in onda contemporaneamente, il vantaggio della Ranieri su Ilary Blasi, che ieri ha messo in scena il discusso ingresso nella casa di Lory De Santo dopo la morte del figlio, è stato ampio: Rai1 (26,16%) ha avuto nettamente la meglio su Canale 5 (16,6%).

Solo quando la storia dell’ammiraglia pubblica è finita, in nottata, c’è stata l’escalation del reality, che è salito fino a superare il 28% di share nel finale, vincendo nella fascia e lasciando sempre a quasi 15 punti di distanza Fabio Fazio e ‘Che Fuori tempo che fa’ (al 13% solo con la copertina di Maurizio Crozza).

In seconda serata continua a fare poco Rai2: ‘Night Tabloid’, con Annalisa Bruchi, Aldo Cazzullo, Alessandro Gioli e Claudio Sabelli Fioretti nella squadra di base e tra gli ospiti Alfonso Bonafede, Armando Siri, Alan Friedman, Antonio Maria Rinaldi, Oscar Farinetti e Alfonso Celotto, ha avuto solo 344 mila spettatori e il 3,85%. Ma torniamo al prime time.

Dietro le prime due proposte si sono passate il testimone, occupando a fasi alterne il terzo posto, il film cult su Italia 1 (‘John Rambo’ a 1,489 milioni e 6%) e Licia Colò sulla seconda rete.

‘Niagara – Quando la natura fa spettacolo’, ha conseguito 1,367 milioni di spettatori e il 5,9% mostrando – tra le altre cose – i laghi Plitvice, il canyon Rio Sass, la laguna di Venezia e l’aspro Gennargentu.

 

Nella sfida tra programmi giornalistici la terza rete ha vinto su Rete 4.

La quinta puntata di ‘Presa Diretta’, dedicato alle iniziative di democrazia dal basso, ospitando le interviste a Riccardo Fraccaro e Virginia Raggi, ha totalizzato 1,059 milioni e 4,36%.

Alla terza prova, ‘Quarta Repubblica’ si è presentato con un formato spezzato in due (con una coda ‘processuale’ contabilizzata a parte da Auditel), e dopo l’intervista della settimana scorsa a Matteo Salvini ieri ha puntato su quella a Luigi Di Maio. Anche ieri il risultato è stato migliore di quello pessimo della prima puntata, ma non è stato affatto esaltante: 854mila spettatori e il 4%. In coda il telefilm su su La7, ‘Body of proof’, ha portato a casa un dignitoso bilancio di 445mila spettatori e 2,3% nella media dei quattro episodi.

Anche ieri la rete di Urbano Cairo ha vinto netto il confronto dei talk in access.

Su La7 ‘Otto e mezzo’ ha totalizzato 1,866 milioni di spettatori e il 7,2% dalle 20.46 alle 21.18 con Marco Travaglio, Evelina Christillin e Guido Maria Brera ospiti di Lilli Gruber.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’ con Barbara Palombelli alla conduzione e Pierferdinando Casini, Gianluigi Paragone e Antonio Caprarica a discutere, ha avuto 1,2 milioni di spettatori e 4,91% di share fino alle 20.55 e poi 1,128 milioni e il 4,29%.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali