Netflix al lavoro su serie tv interattive: gli utenti potranno scegliere tra diverse storyline

Potremo decidere il finale delle nostre serie preferite? È questa l’ultima funzionalità che Netflix sarebbe sul punto di lanciare in tutto il mondo. Stando a indiscrezioni di Bloomberg, la piattaforma di streaming online starebbe sviluppando un catalogo di serie tv e film speciali che avranno diverse storyline a disposizione per gli abbonati. Sarà poi ciascun utente a scegliere lo snodo o il finale che più lo soddisfa per la sua serie preferita.

(Foto Ansa – EPA/SASCHA STEINBACH ILLUSTRATION)

Secondo fonti vicine all’ambiente, Netflix potrebbe rilasciare la prima serie realizzata con questa logica già prima delle fine dell’anno, ma il progetto è ancora segreto. Gli utenti sperimenteranno questa possibilità con un episodio della quinta stagione di Black Mirror, che dovrebbe essere disponibile a dicembre, e sarà il primo esempio di programma interattivo pensato per spettatori adulti. Altri progetti sarebbero in fase di avviamento.

La possibilità di “creare la propria serie tv” rappresenta una scommessa per le nuove forme di televisione interattiva e Netflix ha colto la palla al balzo. Combinando alcuni elementi propri dei videogiochi alla tv tradizionale, la società con sede a Los Gatos  mira ad arricchire i contenuti. Anche se tutto questo richiederà un lavoro extra da parte di sceneggiatori e produttori, con un incremento del costo del lavoro ancora da quantificare.

La televisione interattiva non è una novità assoluta nel panorama mondiale: basti pensare ai programmi tv che permettono al pubblico di interagire con i protagonisti, magari votando il personaggio preferito – come accade nella maggior parte dei talent show degli ultimi anni – o commentando le puntante, ma finora non ci si era ancora spinti al punto di permettere agli spettatori di “interagire” con la trama.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, sottosegretario Vacca (M5s): risposta sbagliata a giusto problema. Favorisce i grandi gruppi editoriali a discapito dei piccoli

Copyright, sottosegretario Vacca (M5s): risposta sbagliata a giusto problema. Favorisce i grandi gruppi editoriali a discapito dei piccoli

Cairo Communication: nel 2018 utile a 60,3 milioni, in crescita del 19,5%. Proposto dividendo a 0,14 euro

Cairo Communication: nel 2018 utile a 60,3 milioni, in crescita del 19,5%. Proposto dividendo a 0,14 euro

Lucetta Scaraffia e la redazione di Donne Chiesa Mondo lasciano in blocco l’inserto mensile dell’Osservatore Romano

Lucetta Scaraffia e la redazione di Donne Chiesa Mondo lasciano in blocco l’inserto mensile dell’Osservatore Romano