Disney Channel compie vent’anni: lanciato il 3 ottobre 1998 con ‘Il Re Leone’

Disney Channel spegne 20 candeline. Il canale venne infatti lanciato  il 3 ottobre 1998 con la messa in onda di uno dei classici d’animazione Disney più amati, ‘Il Re Leone’.

Disney Channel, al tasto 613 di Sky, in questi vent’anni di messa in onda si è distinto per l’attenzione ai gusti in continua evoluzione del pubblico dei giovani spettatori, ma anche per le produzioni originali Disney. Il suo palinsesto si è fin da subito concentrato sulle serie tv tratte dai lungometraggi, come per esempio ‘Timon e Pumba’, ‘Aladdin’ e ‘La Sirenetta’. A sua volta Disney Channel ha avuto delle declinazioni cinematografiche di grande successo, come ‘Hannah Montana: The Movie’ e ‘High School Musical 3: Senior Year’, nati dal successo di produzioni originali.

Inoltre è stato proprio Disney Channel il primo canale a proporre Live Action per ragazzi, che nel corso degli anni hanno segnato la storia del canale. A partire dal 2005 con ‘Zack e Cody al Grand Hotel’ e l’anno successivo con il lancio di ‘Hannah Montana’, cui hanno fatto seguito ‘Raven’, ‘Cory alla Casa Bianca’, ‘I Maghi di Waverly’, ‘Buona Fortuna Charlie’ e ‘Jessie’.

Disney Channel è stato anche il pioniere nel campo delle telenovela per ragazzi, con il lancio nel 2008 de ‘Il Mondo di Patty’. Nel 2012 è stata la volta del boom di ‘Violetta’ e ‘Soy Luna’, in onda con la sua terza stagione in prima tv da lunedì a venerdì alle 20.35.

Un altro cavallo di battaglia del canale sono i Disney Channel Original Movie, spesso divenuti fenomeni giovanili, come ‘High School Musical’, ‘Camp Rock’ , ‘Descendants’ e tanti altri. Disney Channel però non ha mai smesso di sperimentare, in ultimo con il lancio del primo Constructed Reality, Sara e Marti #Lanostrastoria.

La locandina di High School Musical, uno dei Disney Channel Original Movie più di successo

Pietra miliare di Disney Channel è anche il made in Italy, grazie a produzioni originali esportate poi in tutto il mondo, come lo storico ‘Art Attack’. Tantissimi conduttori, oggi protagonisti del panorama televisivo italiano, sono stati volti del canale nel corso degli anni: da Massimiliano Ossini passando per Giovanni Muciaccia ad Alessandro Cattelan e Alvin. Produzioni italiane di successo sono le serie tv ‘Quelli dell’Intervallo’, ‘Quelli dell’Intervallo Cafè’, ‘Life Bites – Pillole di vita’, ‘In Tour’ e ‘Alex & Co’. Seguendo questa scia, il primo ottobre scorso è stata lanciata ‘School Hacks’, serie diretta da Nicola Conversa (noto al pubblico come membro del gruppo YouTube Nirkiop) e in onda con un doppio episodio in prima tv ogni giorno dal lunedì al venerdì alle ore 20.25.

“Sono molto orgoglioso di festeggiare il ventennale di Disney Channel, canale caratterizzato da una pionieristica energia e sempre attento ai gusti in continuo mutamento del pubblico più giovane” afferma Daniel Frigo, amministratore delegato di The Walt Disney Company Italia. “Il suo percorso è stato segnato da grandi successi che, partendo da produzioni originali, sono riusciti a entrare nel cuore di intere generazioni molto spesso segnando un’era nel mondo dell’intrattenimento televisivo – ha concluso l’ad Frigo – Questa è la strada che Disney Channel ha tracciato nel segno dell’innovazione, innovazione che rimane rampa di lancio per tutti i progetti futuri”.

Daniel Frigo ad di Disney italia

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali