Rai2 censura Ricci: stop di Fabiano a un’intervista del potente autore su Trapani

“No comment”. Interpellato da Prima, risponde così il direttore di Rai2 Andrea Fabiano sul veto che avrebbe messo a un’intervista ad Antonio Ricci in ricordo di Enzo Trapani.

Antonio Ricci ed Enzo Trapani (foto uff. stampa Striscia)

Antonio Ricci ed Enzo Trapani (foto uff. stampa Striscia)

Una vicenda che conoscendo il potente autore di Striscia la notizia  non sarà senza strascichi. E che l’ufficio stampa del popolare programma Mediaset ricostruisce così. “Qualche mese fa Antonio Ricci è stato contattato da Giorgio Verdelli, autore Rai e amministratore unico di Sudovest Produzioni, che gli ha chiesto di intervistarlo per un programma di Rai2 dedicato a Enzo Trapani. Ricci, di solito molto restio a parlare davanti ai microfoni, in questo caso aveva accettato: ha sempre riconosciuto Trapani come suo maestro (gli ha dedicato anche un programma televisivo in 16 puntate: Free Dog: fantastico Trapani, andato in onda nel 1990 su Rai2). E di Trapani è stato l’allievo prediletto”.
“A pochi giorni dalla data fissata (il 16 ottobre)” – prosegue la ricostruzione Mediaset – “è giunta però un’imbarazzata telefonata dell’autore: tutto cancellato (questa la sintesi), dal momento che Andrea Fabiano, direttore di Rai2 “non gradisce la presenza di Ricci nei programmi del servizio pubblico’”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Usigrai, in Rai sembra ci siano due aziende; inaccettabile che la direttrice di Rai1 consideri editore il Governo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Radio Radicale, Crimi: i 3 milioni in più concessi per 2019 peseranno su riparto del fondo pluralismo

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali

Garante Privacy su criptovaluta Facebook: così i big del web diventano stati-padroni, no a monarchie digitali