Ventura batte Proietti (e Blasi). Lo spread spinge in alto Floris e Gruber

Dei due reality vip di Canale 5 quello che va meglio per ascolti in questo avvio di autunno è ‘Temptation Island’. Per adesso Simona Ventura (con Valeria Marini  decisiva presenza nel cast) batte Ilary Blasi e ‘Grande Fratello Vip’.

Alle prese con una fiction meno arcigna di quanto non sia stata ‘La Vita Promessa’ per il prodotto Endemol, la trasmissione dell’ammiraglia privata targata Fascino ha vinto il confronto per share e quello nel periodo di messa in onda contemporanea. Ieri – con la terza coppia di famosi che ha deciso di uscire dal gioco – ‘Temptation Island Vip’ è calato di 200 mila spettatori e un punto di share, a quota 3,652 milioni e 20,9%.

Relativamente meglio in termini di numeri complessivi ha quindi fatto ‘Una pallottola nel cuore 3’, stabile a 3,8 milioni e 16,3% su Rai1. Ma se si considera il periodo in cui i due programmi sono stati on air contemporaneamente le cose appaiono per quello che sono realmente: la Ventura si è attestata a 4,232 milioni di spettatori e il 18,27%, mentre la storia con Proietti ha conquistato 3,791 milioni di spettatori ed il 16,4% di share. Dietro i primi, con lo spread che balla e l’Europa che fa la faccia cattiva al governo gialloverde, sono andati meglio del solito entrambi i talk giornalistici.

Su La7 ha fatto molto bene ‘DiMartedì’, che sapeva di doversi confrontare anche con la Champions League su Sky (Roma-Viktoria e gli altri match in prima serata hanno distratto 1,1 milioni di spettatori tendenzialmente maschi con il 4,6% di share) e ha ottenuto 1,5 milioni di spettatori e il 7%. Giovanni Floris ha aperto con Carlo Cottarelli (appena sotto i 2 milioni), poi ha proposto Luigi Di Maio (ascolti sopra i 2 milioni e punte del 9%) e quindi Maurizio Martina, potendo contare su una scaletta parsa più ‘ricca’ di quella di Bianca Berlinguer.

Il programma de La7 ha così messo in fila la seconda puntata di ‘Stasera Tutto è possibile’ su Rai2 (stabile a 1,498 milioni e il 6,9%), il film su Italia1 (‘Next’ a 1,257 milioni e 5,3%) e ‘#Cartabianca’ sulla terza rete (a 1,219 milioni e 5,7%). Berlinguer ha puntato sul solito Mauro Corona trainante in avvio (2 milioni e 7%) ma poi è progressivamente calata con in menù Oscar Farinetti, Peter Gomez, Massimo Garavaglia , Aldo Busi. Su Rete4 ha fatto male il film ‘Unbroken’, firmato Angelina Jolie, che ha conseguito solo 784mila spettatori e il 3,8%.

L’emittente di Urbano Cairo ha fatto bene anche in access. Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Federico Pizzarotti, Andrea Scanzi e Gianrico Carofliglio ospiti di Lilli Gruber, ha ottenuto 1,9 milioni di spettatori e il 7,7% dalle 20.44 alle 21.16.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’, con Graziano Del Rio, Tommaso Labate, Tobias Piller e Maurizio Belpietro ospiti di Barbara Palombelli, ha conseguito 1,197 milioni di spettatori e il 4,97% fino alle 20.55 e poi 1,089 milioni e il 4,32% di share fino alle 21.25.

Pur perdente nel confronto con la Gruber, la nuova linea editoriale di Rete 4 regge e fa un po’ meglio dell’anno scorso – finora – solo in questa fascia. Mentre si conferma sotto le attese Mario Giordano nel preserale (‘Fuori dal coro’ a 633mila e 3,32%).

In seconda serata ha dominato nettamente il reality di Canale 5, che ha chiuso bottega sfiorando il 34% e ha lasciato a distanza la puntata di ‘Porta a Porta’ dedicata a Papa Francesco in avvio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

Stati Generali Editoria, Lorusso: al via col piede sbagliato. Affossate proposte per Inpgi e contrasto precariato

Stati Generali Editoria, Lorusso: al via col piede sbagliato. Affossate proposte per Inpgi e contrasto precariato