Tax credit, preoccupazione dei produttori televisivi. Leone (Apt): manca codice tributo

“A oggi nessun produttore può avere accesso al tax credit”. Così Giancarlo Leone, presidente dellApt – Associazione di produttori televisivi, lancia l’allarme su quello che definisce “un problema importante per il settore”.

Giancarlo Leone

Giancarlo Leone (foto Olycom)

“Il sistema Paese fatica a funzionare – ha detto Leone aI Sole 24 Ore – Si producono provvedimenti lungimiranti, ma in fase attuativa rischiano di disperdersi e vanificare tutti gli sforzi fatti”. Il problema, secondo il presidente Apt, deriva dalla mancanza di “un codice tributo che deve essere comunicato dall’Agenzia delle Entrate al Mibact”.

Una lacuna che, per Leone, sta impedendo l’applicazione di quanto previsto dalla legge Franceschini per quanto riguarda il cinema e l’audiovisivo, che prevede fino al 30% di tax credit per costo complessivo di produzione sia televisiva che cinematografica, per una cifra che si aggira intorno ai “128 milioni complessivi per il 2018”.

Secondo fonti vicine agli ambienti del Mibact  riprese dal Sole – il Ministero sarebbe conscio del problema, si sta facendo pressione sul tema all’Agenzia delle Entrate e allo stesso tempo si sta lavorando in sincrono a livello ministeriale. Per quanto riguarda le more, inoltre, dovrebbe essere concessa una proroga a qualsiasi scadenza dei termini.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

TOP 100 INFORMAZIONE ONLINE di Audiweb. A novembre Corriere della Sera ancora primo davanti a Repubblica. Terzo è il Fatto Quotidiano

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

Rivoluzione in Publicis: esce il ceo Bonori, fuori anche Cavalli e Baggi. Un triumvirato al comando

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”

L’Équipe in crisi: taglio giornalisti, chiusura magazine, France Football diventa mensile. “Puntiamo sul digitale ma ci vuole tempo”