Facebook: nessuna evidenza di accessi ad app esterne con i dati del social

Chi ha sferrato l’attacco hacker a Facebook non ha utilizzato i dati degli utenti per accedere ad applicazioni esterne. È quanto riportato da Guy Rosen, vicepresidente responsabile per la sicurezza, in un post condiviso sui social dell’azienda.


Diverse applicazioni infatti consentono di registrarsi – e conseguentemente accedere – usando le credenziali di Facebook, invece di creare un nuovo nome utente e password. Una procedura spesso molto più immediata e semplice: se infatti per creare un nuovo account è necessario compilare numerosi campi di informazione, dai dati anagrafici fino a richieste sempre più dettagliate, l’accesso tramite Facebook consente di entrare subito, permettendo alla app di prendere i dati dal profilo sul social network. L’insieme degli account (e relativi dati di utilizzo) che usano il social network di Zuckerberg per accedere a applicazioni esterne è definito token, una sorta di mazzo unico di chiavi diverse che consentono di aprire tante porte.

I token di accesso sottratti dagli hacker potrebbero quindi essere usati per accedere ad applicazioni esterne, ma la società di Menlo Park- spiega Rosen – ha indagato su queste app di terze parti, e “finora non sono state trovate evidenze” che gli hacker abbiano eseguito l’accesso alle applicazioni attraverso il Facebook Login.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

La potente manager cinese Jie Sun (Ctrip) firma accordi con Aeroporti di Roma, Trenitalia e Musei Ferrari

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

Stati Generali Editoria, Crimi: obiettivo riforma strutturale importante e necessaria per un comparto cruciale

Stati Generali Editoria, Lorusso: al via col piede sbagliato. Affossate proposte per Inpgi e contrasto precariato

Stati Generali Editoria, Lorusso: al via col piede sbagliato. Affossate proposte per Inpgi e contrasto precariato