“Il 5G porterà riassetto delle frequenze del sistema radiotv”. Liuzzi (portavoce M5S): superare la Gasparri

“L’avvento del 5G portera’ a un riassetto delle frequenze del sistema radiotelevisivo digitale terrestre, che pero’ dovra’ tener conto dell’effettivo fabbisogno di capacita’ di trasmissione. Se i dati lo dimostreranno, sara’ necessario modificare la riserva di un terzo in favore delle tv locali andando a rivedere la legge Gasparri, che su questo preciso punto potrebbe risultare anacronistica”.

Mirella Liuzzi (foto Ansa)

Mirella Liuzzi (foto Ansa)

Cosi’ Mirella Liuzzi, portavoce M5S alla Camera dei deputati a margine del Question Time presentato oggi pomeriggio in Commissione Trasporti e Telecomunicazioni. “Per favorire la transizione verso la tecnologia 5G e un nuovo modello di servizio televisivo digitale terrestre, sara’ fondamentale il dialogo con gli stakeholders. E’ proprio in questa direzione che va la costituzione del tavolo TV 4.0 ad opera del Ministro dello sviluppo economico, Luigi Di Maio. L’obiettivo e’ quello di coinvolgere gli attori interessati, fermo restando che non possiamo prescindere da una gestione efficiente dello spettro delle frequenze”, continua la deputata M5S.
“Miriamo a incentivare la competitivita’ di tutti gli attori in gioco, tra cui l’emittenza locale, alla quale il Dlgs 177/2005 riserva un terzo della capacita’ trasmissiva totale. L’obiettivo e’ soprattutto quello di valorizzare chi tra le tv locali fa vero servizio pubblico”, conclude Liuzzi. (ITALPRESS)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale