Rai, Usigrai: direttori dall’esterno? Inaccettabile

“Direttore presi dall’esterno? Sarebbe subito una secca smentita degli impegni assunti, a partire dall’amministratore delegato e dal presidente, per valorizzare le risorse interne. Una scelta inaccettabile”. Lo scrive in una nota l’esecutivo Usigrai che avverte: “Faremo di tutto per impedirlo, come abbiamo già fatto in passato, anche perché sono fin troppo evidenti i rischi che si configuri il danno erariale. E intanto la Rai continua a tenere ben 3 testate, oltre 1000 giornalisti, più della metà di tutti i giornalisti Rai, con direzioni temporanee. E, quindi, senza la possibilità di presentare piani editoriali triennali di rilancio e sviluppo. La Rai – scandisce l’Usigrai – ha già al proprio interno professionisti di livello, in grado di assicurare guide stabili per le testate giornalistiche”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Editoria, Crimi: obiettivo riforma di “grande respiro”. Conte: verso un sistema più “efficiente e rigoroso”

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Copyright, appello dal vicepresidente Ue Ansip: sostegno alla riforma. Testo diverso da quello di luglio: non è macchina da censura

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale

Rai: all’esame del Cda la riorganizzazione della Corporate e la nuova direzione generale