Banda ultralarga? C’è ma non è capillare. Ey-Ipsos: collegate solo un terzo delle imprese

La banda ultralarga, vale a dire con una velocità superiore ai 30 mega, c’è e copre circa l’80% del territorio italiano, ma “manca di capillarità” . È quanto rileva una ricerca realizzata da Ey in collaborazione con Ipsos e Centro studi di Intesa Sanpaolo, che ha censito più di 11mila zone industriali in cui sono attive oltre 480mila imprese (circa il 10% del totale), di cui solo un terzo è raggiunto dalla banda ultralarga fissa.

Diversi sono i fattori che pesano su questo ritardo. Il settore pubblico, per esempio, rappresenta ancora un freno, con l’Italia che si colloca al 21esimo posto su 28 per indice di egovernment. Nonostante il livello di implementazione dei servizi pubblici digitali sia in linea con quello di altri Paesi europei, secondo lo studio effettuato l’Italia è ultima riguardo al loro utilizzo a causa delle scarse competenze digitali dei cittadini-utenti e delle difficoltà di apprendimento delle nuove piattaforme di comunicazione e social.

Un altro freno è rappresentato da fattori culturali legati alla società italiana: il 54% degli intervistati infatti denuncia una “resistenza al cambiamento” e il 27% la “mancanza di competenze specifiche”. C’è poi un tema relativo alle dimensioni, per cui l’11% delle aziende con più di 250 addetti ha un livello di digitalizzazione molto alto, contro l’1% delle piccole e medie imprese. Il 66% delle aziende ha utilizzato gli incentivi resi disponibili, ma sfruttandoli per investimenti non particolarmente innovativi.

“Nel processo di trasformazione digitale che sta investendo la nostra economia, l’Italia paga un’insufficienza di cultura e competenze digitali e una scarsa dinamicità delle start-up” ha concluso l’amministratore delegato di Ey in Italia Donato Iacovone, che ha presentato la ricerca al Digital Summit di Capri. Limiti, quelli evidenziati dallo studio, che vanno superati con una “contaminazione di fattori esterni”, in cui “lo stimolo all’introduzione di nuove tecnologie può arrivare dai clienti, da consulenti/provider tecnologici o anche dai dipendenti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini