Anche Huawei sfida Netflix. Parte Huawei Video, piattaforma Svod e Tvod

Dopo broadcaster, Ott e telco anche i produttori di device tecnologici entrano nel ricco mercato dei video on demand.  Il colosso cinese Huawei   ha infatti deciso di lanciare un servizio Svod (video on demand in abbonamento) come Netflix o Amazon Prime Video: si chiama Huawei Video.

La schermata del servizio Svod di abbonamento

Serie italiane e internazionali, web-series, film, cortometraggi, sport e documentari aggiornati di settimana in settimana: l’offerta di Huawei Video comprende questo. L’applicazione, disponibile su tutti i dispositivi con Emui 8.1, è scaricabile direttamente da qualsiasi smartphone o tablet Huawei.

Huawei Video, spiega una nota del gruppo cinese, non si limita ad essere una semplice piattaforma in streaming: presenta infatti diverse modalità di fruizione dei contenuti . Gli utenti infatti possono scegliere tra la modalità Svod e la formula Tvod, ma saranno presenti anche trailer, moduli brevi e alcuni episodi delle serie Tv più famose disponibili a tutti gratuitamente. Chi preferirà la modalità Svod pagherà una quota mensile di 4,99€, e così potrà accedere a tutti i video disponibili sulla piattaforma in abbonamento. Coloro che invece non vorranno registrarsi potranno utilizzare la formula Tvod che permette di noleggiare qualsiasi contenuto per 48 ore. Il tutto senza interruzioni né pubblicità, e con possibilità di cancellazione gratuita dal servizio. La piattaforma streaming firmata Huawei consente infine all’utente anche personalizzazione e praticità, permettendo la creazione di una sezione di video preferiti, il parental control per i più piccoli e la possibilità di scaricare i contenuti per poterli vedere offline.

‘Huawei Video’ è un servizio progettato appositamente per gli utenti di prodotti a marchio della società cinese: le avanzate tecnologie applicate alla risoluzione dello schermo, insieme ai vantaggi garantiti dall’Intelligenza Artificiale, consentiranno alle persone di godere di un’esperienza premium a tutti gli effetti, con una risoluzione di immagine e una qualità del suono in Hd.

Per il lancio in Italia, Huawei ha selezionato diversi partner, divisi tra l’offerta Tvod e  Svod: Sony Pictures Home Entertainment, Rai Com, Videa, Cg Entertainment, Nexo Digital, per l’offerta in noleggio e Entertainment One (eOne), Zoomin, Vice, Thema (parte del gruppo francese Canal +), Discovery, Fox Networks Group, per l’offerta in abbonamento.

Isabella Lazzini Retail & Marketing Director Huawei Cbg Italia (foto uff stampa Huawei )

Isabella Lazzini Retail & Marketing Director Huawei Cbg Italia (foto uff stampa Huawei )

Con il lancio della nuova piattaforma, l’azienda cinese conferma il suo impegno e la volontà di investire in servizi che siano digitali e intelligenti. “Huawei Video è la dimostrazione degli sforzi e degli investimenti che la nostra azienda sta conducendo per ampliare i propri servizi di intrattenimento” afferma Isabella Lazzini Retail & Marketing Director Huawei Cbg Italia. “L’esperienza degli utenti è centrale in ogni prodotto o servizio che proponiamo – aggiunge la Lazzini – i nostri telefoni garantiscono visione ad Alta Definizione e ora, grazie a partner importanti e selezionati, siamo in grado di proporre una gamma di contenuti di alta qualità direttamente sui device Huawei mobile, ogni volta che i nostri consumatori lo desiderano, in mobilità o a casa”.

(Foto Ansa – EPA/FOCKE STRANGMANN)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider