Cresce l’ecommerce in Italia tra nuove opportunità e sfide per i brand. Indagine Polimi e Nielsen

Sono 23,1 milioni gli italiani che hanno effettuato almeno un acquisto online negli ultimi 12 mesi, in aumento di 2,5 milioni rispetto al 2017 quando erano 20,6 milioni. E se si considerano anche quelli che si rivolgono a internet in fase di ricerca e comparazioni ma che poi concludono l’acquisto in negozio il numero sale a 35,5 milioni, pari al 67% della popolazione sopra i 14 anni, 3,8 milioni in più rispetto al 2017 (31,7 milioni). I dati sono contenuti in una ricerca dell’Osservatorio multicanalità, promosso da School of Management del Politecnico di Milano e Nielsen, condotta su di un campione di 45mila individui che navigano da casa e dall’ufficio.

Presentata al Campus Bovisa del Politecnico di Milano durante un convegno dedicato al tema della convergenza tra spazi di comunicazione e vendita con Giuliano Noci, responsabile scientifico dell’Osservatorio multicanalità, e Christian Centonze, Fmcg solutions leader di Nielsen, la ricerca evidenzia che tra i 6,6 milioni di italiani che sono soliti comprare ovunque e a qualsiasi ora, i cosiddetti “Everywhere Shopper” che concludono acquisti in mobilità su ogni tipo di device, negli ultimi 12 mesi il 30% ha acquistato online con frequenza settimanale o più e il 45% lo ha fatto almeno una volta al mese. Questa categoria rispetto al 2017 è cresciuta di 300mila unità e rappresenta il 29% di chi ricorre all’ecommerce. Mentre sono aumentati di 2,5 milioni i nuovi arrivati nel panorama degli acquisti digitali che sono passati da 4,3 a 6,2 milioni.

Tra gli Everywhere Shopper il 42% appartiene alla generazione dei Millennial e il 47% a quella X. Solo l’11% afferisce ai Baby Boomer. Mentre tra chi è neofita dell’ecommerce il 28% è un boomer, il 27% millennial e il 45% fa parte della generazione X. A dimostrazione del fatto che il fenomeno è in evoluzione e i comportamenti di acquisto degli italiani stanno cambiando e crescendo. Anche se, come ha ricordato, Davide Ticconi, head of business development strategy for Western Europe di Mastercard, nel mondo l’80% delle transazioni viene ancora fatto in contante e nel restante 20%, che pure è destinato a crescere più rapidamente della restante parte, non ci sono solo i pagamenti digitali ma anche quelli fatti con carte di credito, contactless, bonifici e assegni.

Ticconi e Marcella Minotti, head of media, digital Italy & Greece di Reckitt Benckiser, sono intervenuti per raccontare le proprie case history nell’approccio all’ecommerce e al digitale come opportunità di comunicazione. Per Mastercard l’ecommerce è indubbiamente “una grande opportunità da cogliere” e Amazon è un partner “ideale perché dominante e può contare su di una customer base immensa”. La tecnologia “card on file”, ossia quella che prevede l’inserimento dei dati all’interno del portale per poi poter comprare con un click, è la più utilizzata e redditizia. Minotti ha descritto come per i brand del gruppo, dalle pastiglie Finish ai prodotti Scholl, le sinergie tra “e-commerce, marketing e media” abbiano rappresentato una fonte di soluzioni vincenti in termini di conversione dei contatti grazie a call to action, branded content e altre iniziative online.

In un simile scenario, ha spiegato Noci, “emerge una progressiva convergenza del ruolo degli spazi di comunicazione e vendita. In primo luogo, si riduce sempre di più il gap tra il fenomeno dello showrooming (ricerca di informazioni in punto vendita fisico ed acquisto online) e dell’infocommerce (ricerca di informazioni online ed acquisto in negozio fisico), praticati rispettivamente dal 48% e dal 53% degli individui multicanale nel 2018. Tra gli eShopper poi, si diffondono percorsi di acquisto che vedono un impiego sinergico ed ibrido di touchpoint online e offline, utilizzati sia per la ricerca di informazioni che per l’acquisto vero e proprio. Il punto vendita, infine, mantiene una sua centralità nel processo d’acquisto anche per i segmenti più evoluti, ma con una vocazione diversa, che affianca la dimensione esperienziale all’acquisto”.

“La fetta di popolazione più matura, che pareva meno affine alla possibilità di cercare prodotti e informazioni online, si è appena affacciata sul mondo multicanale”, ha aggiunto Centonze. “L’importanza di questo ingresso nella platea del digital shopping, sia esso mero Research-Online-Purchase-Offline o vero e proprio customer journey online, è evidente se si considera che in Italia sono proprio le persone più avanti con l’età ad avere maggiore disponibilità di spesa. Non da meno, oggi la popolazione italiana in rete è rappresentativa dell’intero Paese, non solo da teenager e Millennial. Un passo in avanti nel contesto del digital divide tra Italia e altri membri Ue, nonché un motivo in più per intraprendere l’avventura dell’eCommerce per i player nostrani”.

In conclusione è intervenuto anche Giuseppe Di Franco, Group Executive Vice President e CEO Central Eastern Europe & Italy di Atos, la società europea che si occupa di servizi IT e che da oltre vent’anni (dal 1992) è partner del Cio nell’organizzazione delle Olimpiadi. Un evento di tre settimane al quale si lavora per un intero quadriennio, ha spiegato che oggi conta 4 miliardi di viewers su 250 diverse piataforme digitali e gli utenti digitali sono il doppio di chi segue sulla piattaforma tv. Ma le Olimpiadi sono anche un “happening di hacker” perché durante l’evento Atos deve fronteggiare fino a 400 potenziali incursioni hacker al secondo.

“Multicanalità, sicurezza e globalizzazione dei processi”, secondo Di Franco, sono le sfide che la digitalizzazione e la tecnologia del cloud hanno aperto per i prossimi decenni. Anche per chi vuole competere nel commercio online.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La classifica internazionale dei brand auto più attivi sui social e dei post più condivisi a giugno. Tre tedesche sul podio

La classifica internazionale dei brand auto più attivi sui social e dei post più condivisi a giugno. Tre tedesche sul podio

Agcom: dal 2011 persi un quarto dei ricavi nelle comunicazioni. In 7 anni +93% per la pubblicità online

Agcom: dal 2011 persi un quarto dei ricavi nelle comunicazioni. In 7 anni +93% per la pubblicità online

Classifiche e trend dei quotidiani più diffusi. Ads maggio: Gazzetta dello Sport cresce a doppia cifra

Classifiche e trend dei quotidiani più diffusi. Ads maggio: Gazzetta dello Sport cresce a doppia cifra