Vince Incontrada. Salvini rianima Greco, male Renzi da Costanzo. Cresce X-Factor

Matteo Salvini ‘salva’ (per adesso) la linea editoriale meno populista della nuova Rete 4. E’ questo uno dei paradossi dell’avvio della corrente stagione tv. Il vicepremier, che pochi giorni fa aveva fatto salire ad un livello dignitoso le prestazioni Auditel di Nicola Porro e ‘Quarta Repubblica’, ieri ha migliorato un po’ anche quelle del direttore Gerardo Greco e di ‘W L’Italia’, partito male al giovedì e sempre perdente nel confronto con ‘Piazzapulita’.

Ieri Greco (805mila spettatori e 4,5%) ha perso ancora la sfida con Corrado Formigli (1,070milioni e 6,1%), ma passandosi lo sfizio di superarlo nella mezzora circa in cui ha ‘confessato’ il leader leghista, raccontandone la storia familiare, i trascorsi scolastici e sportivi, accennando pure alla fidanzata Elisa Isoardi (“Non dico nulla. Tutto quello che potrei dire sarebbe invariabilmente usato contro di lei…” ha detto Salvini).

In quel momento ‘W l’Italia’ ha superato quota 1,5 milioni di spettatori (6%) lasciandosi momentaneamente dietro la trasmissione su La7, dove invece dopo i vaticini preoccupanti di Mario Monti, si assisteva allo scontro teorico e dialettico tra Claudio Borghi e Federico Fubini.

La gara ‘normale’ – nel solito super giovedì televisivo – l’ha vinta ancora la fiction di Rai1, ‘Non dirlo al mio capo 2’, con Vanessa Incontrada, Lino Guanciale e Chiara Francini protagonisti, in leggero calo a 4,323 milioni di spettatori ed il 19,53%.

Ha conseguito un secondo posto importante, ma non all’altezza delle prerogative di Canale 5, la prima tv del film drammatico ‘Kidnap’ (2,235 milioni e 10,29%), con Halle Berry in luce.

Sul terzo gradino del podio, ma in consistente calo rispetto alle prime due puntate, si è installato Costantino Della Gherardesca con ‘Pechino Express- Avventura in Africa’ (1,5 milioni e 7,3%).

Non troppo confortante per Mediaset, il dato conseguito da ‘Big Show’ su Italia 1 (migliorato a 1,115 milioni e 5,76%), mentre il film sofisticato di Rai3, ‘Suite Francese’, si è attestato a 1,096 milioni e il 4,7%. Da registrare, inoltre, le buone prestazione di due opzioni alternative offerte da Sky. Su SkyUno la prima parte dei Bootcamp di ‘XFactor’ ha raccolto 1,042 milioni di spettatori ed il 4,5%, in progresso rispetto alla puntata precedente.

Un risultato consistente, specie se si considera la concorrenza interna: su Tv8, infatti, Eintracht Francoforte-Lazio di Europa league, persa dai biancocelesti per 4 a 1, ha totalizzato 1,025 milioni di spettatori e il 4,3% di share.

Interessanti e con un rilievo ‘politico’ anche le prestazioni della seconda serata. Dalle 24 in avanti, dopo il finale di ‘Pechino Expres’s, è passato in testa ‘Porta a Porta’. Bruno Vespa ha intervistato Giorgia Meloni in apertura e poi ha dato spazio a Lorenzo Fioramonti e Mariastella Gelmini ottenendo 945mila spettatori ed il 10,99%.

Staccata dalla rete rivale, poco davanti a La7 e al finale di ‘Piazzapulita’, ha corso Canale 5. ‘L’Intervista’ con Maurizio Costanzo a colloquiare con Matteo Renzi, ha incassato solo 712mila spettatori e il 7,88%.

 

Senza sorprese e non troppo turbata dal calcio dell’Europa League, la partita dei talk in access.

Su La7 ‘Otto e mezzo’, con Matteo Richetti e Marco Damilano ospiti di Lilli Gruber, ha avuto 1,6 milioni e 6,55% di share.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’ con Alberto Bagnai, Alessandro Sallusti, Maria Giovanna Maglie e Aldo Cazzola ospiti di Barbara Palombelli, ha conquistato 1,180 milioni di spettatori e 4,8% di share.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Inpgi: il sottosegretario Durigon convoca un tavolo con casse previdenziali, Mef e Crimi

Inpgi: il sottosegretario Durigon convoca un tavolo con casse previdenziali, Mef e Crimi

Stati Generali dell’Editoria, accrediti entro le ore 16. Diretta streaming sul sito del Governo

Stati Generali dell’Editoria, accrediti entro le ore 16. Diretta streaming sul sito del Governo

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera